Chrisadamo

Chrisadamo

SCARICARE DA JUMBO MAIL

Posted on Author Kejinn Posted in Antivirus


    Qualcuno mi ha inviato un JumboMail, come faccio ad ottenere i file? L'e-mail che hai ricevuto contiene un pulsante che vi indirizzerà a una pagina di download. Si consiglia di scaricare solo alcuni dei file, ma il download di tutti i file in una volta potrebbe richiedere del Non è mai stato più facile da gestire i file ricevuti! Una copia della mail inviata con JumboMAIL verrà visualizzata nella cartella Posta inviata. Il destinatario potrà scaricare ogni file che ha ricevuto tramite una JumboMAIL per un Libero JumboMAIL: invio da un account secondario. Per inviare una Jumbo Mail seleziona la voce JumboMail che trovi di fianco al quale i destinatari potranno visualizzare/scaricare i file inviati, il periodo va da 1.

    Nome: da jumbo mail
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 49.49 Megabytes

    A partire dal 5 luglio , tutti gli utenti che hanno un indirizzo e-mail Libero, con suffisso libero. Per l'invio di un file in allegato, Jumbo Mail si avvale di un sistema di notifica che prende il posto dell'allegato stesso. Il mittente, tramite un'apposita interfaccia grafica all'interno della webmail di Libero, seleziona i file che vuole trasmettere.

    Cliccando sul tasto di "Invio", questi file sono salvati all'interno di uno spazio che Libero mette a disposizione degli utenti che si sono abilitati al servizio. Il destinatario riceve una mail di notifica testuale, contenente un link, che lo avvisa che tutti i documenti, i video o le immagini che gli sono stati inviati sono disponibili per il download.

    Servizi Web per mandare file grandi FilesOverMiles Devi inviare ad un tuo amico una serie di file e questi superano le dimensioni prestabilite dalla posta elettronica. Inviarglieli uno ad uno via email è impensabile: se qualcosa andasse storto dovresti fare tutto capo. È una procedura semplice e gratuita; ti spiego come effettuarla passo dopo passo.

    Questo tool online, infatti, si basa sul noto plugin di Adobe. Se lo desideri, puoi proteggere il download del file con una password.

    Ti basterà digitarla nel campo di testo You may protect this download with a password. Una volta digitata, la password sarà automaticamente confermata: potrai vedere infatti comparire il simbolo del lucchetto in corrispondenza del codice univoco di download. Se hai protetto il file con una password, forniscila a chi di dovere; sarà necessaria per scaricare il file attraverso il pulsante Download. Wetransfer Tra conosciuti servizi del Web che permettono di mandare file grandi vi è sicuramente WeTransfer.

    Questo sito Internet è molto famoso e utilizzato dal momento in cui esiste da tantissimo tempo e permette di inviare file tramite Internet con una dimensione massima di 2 GB.

    Questo servizio è utilizzabile in maniera gratuita anche senza effettuare la registrazione ma presenta alcune limitazioni in quanto è possibile sottoscrivere un piano in abbonamento. Per utilizzarlo devi aprire il browser che solitamente utilizzi per navigare su Internet e collegarti al suo sito Internet ufficiale. Dopodiché, se è la prima volta che ne usufruisci, potrai vedere a schermo una tabella riassuntiva che fa riferimento ai vantaggi della versione a pagamento.

    Tuttavia, se desideri utilizzarlo in maniera gratuita, fai clic sul pulsante portami alla versione free per cominciare ad usufruire di questo servizio senza pagare. Per farlo premi sul pulsante Aggiungi file e seleziona il documento che desideri inviare dal tuo computer. Facoltativamente, puoi anche inserire un messaggio personalizzato di accompagnamento da digitare nel campo di testo messaggio. Il pulsante rimanderà al sito Internet di WeTransfer dal quale dovrà poi effettuare il download.

    Inviare file pesanti via email con i servizi di storage dei fornitori Gmail e Outlook. Nel caso di file di grandi dimensioni, infatti, sia Gmail che Outlook. Questo approccio ha un duplice vantaggio: in primis, ovviamente, si potrà superare la limitazione imposta dai fornitori di posta evitando il rischio che l'email inviata possa "tornare indietro" e non essere recapitata dai server del provider di destinazione.

    WeTranser per iOS – inviare file pesanti via mail direttamente da iPhone

    Per secondo, si dispenserà il destinatario dell'email dal dover scaricare subito un'email molto pesante nel caso in cui questi adoperasse un client email tradizionale come Outlook, Thunderbird o l'ormai non più supporto Windows Live Mail. Specie chi utilizza il protocollo POP3 e non il più moderno IMAP; vedere Differenza tra POP3 e IMAP: cosa cambia nella ricezione della posta potrebbe essere costretto a scaricare il messaggio pesante, insieme con l'allegato di grandi dimensioni, per poter leggere le altre email contenute nella casella di posta.

    Il problema non riguarda ovviamente coloro che utilizzano webmail o che comunque si servono di applicazioni web per la consultazione della posta elettronica da browser o tramite app per i dispositivi mobili. Nell'interfaccia web di Gmail, non appena fatto clic sul pulsante Scrivi, si potrà iniziare a preparare l'email da inviare.

    Non appena si farà clic sull'icona Allega in basso e si sceglierà un file fino ad un massimo di 25 MB in termini di peso, Gmail "non proferirà parola" e spedirà l'elemento come normale allegato.

    WeTransfer, come funziona?

    Nel caso in cui si dovessero superare i 25 MB, Gmail mostrerà un messaggio simile a quello in figura e provvederà subito a caricare il file su Google Drive. Al termine della procedura di upload, il file di grandi dimensioni non sarà inviato come allegato ma nel messaggio verrà automaticamente inserito un link per il download del file.

    Per impostazione predefinita, il file viene caricato su Google Drive in modo tale che chiunque possegga il link possa scaricarlo.

    In questo modo il destinatario non dovrà essere necessariamente possessore di un account Google. Di contro, sarà importante eliminare il file da Google Drive non appena scaricato dal destinatario per scongiurare che possa essere eventualmente prelevato da terzi. Cliccando su Invia, Gmail presenterà un messaggio simile a quello riprodotto in figura.

    Nel caso della prima opzione, invece, i file caricati su Google Drive saranno condivisi e quindi saranno scaricabili solo con gli utenti che, dopo aver fatto clic sul link contenuto nell'email, effettueranno il login al proprio account Google dovranno crearlo nel caso in cui non ne possedessero uno.

    Per poter scaricare i file, inoltre, l'indirizzo email con cui effettueranno il login, dovrà necessariamente corrispondere con quello specificato nel campo Destinatario "A" di Gmail. Selezionando Condividi con N persone e, accanto, Visualizzazione, i destinatari dovranno invece possedere un account Google.

    Non è indispensabile che il destinatario utilizzi un indirizzo gmail. Bisognerà soltanto fare clic sul link Crea un account nell'email ricevuta. Successivamente il destinatario potrà fare clic su Usa invece il mio indirizzo email corrente. Il mittente troverà tutti i file inviati via email e condivisi con altri utenti nel suo account Drive, facendo riferimento a questa pagina. Inviare allegati pesanti con Outlook. In alternativa, è possibile allegare un file precedentemente caricato sul servizio cloud OneDrive Cerca nei percorsi sul cloud.

    Scegliendo Cerca in questo computer, per gli allegati che superano i 33 MB di peso, Outlook. A questo punto il servizio di Microsoft provvederà a inserire un link per il download diretto da OneDrive usando lo stesso approccio già visto nel caso di Gmail.

    Per impostazione predefinita, i file caricati su OneDrive quindi inseriti in un'email saranno accessibili da chiunque possegga il link presente nello stesso messaggio di posta elettronica.

    Spedire file pesanti via email con account diversi da Gmail ed Outlook. Il meccanismo è semplice: basta caricare i file di grandi dimensioni su uno dei servizi di storage cloud che abbiamo citato quindi utilizzare la funzione che permette di generare un link diretto al file.

    Impossibile scaricare file condiviso su OneDrive

    Una volta che si conoscerà il link diretto per il download del file caricato sul cloud, basterà copiare il link e incollarlo nel testo dell'email prima della sua spedizione.

    In questo modo, il destinatario potrà comodamente scaricare il file pesante usando il browser web, con un semplice clic.

    Nel caso in cui il file da condividere via email fosse caricato su OneDrive, è sufficiente cliccare con il tasto destro del mouse sul file da inviare quindi cliccare su Condividi. Con un clic su Ottieni un collegamento si potrà copiare il link da incollare nell'email oppure selezionando Posta elettronica si potrà inviare direttamente un messaggio di posta con il link cliccabile per il download.

    Successivamente, nel momento in cui si volesse rimuovere la condivisione, basterà cliccare sul file dall'interfaccia di OneDrive e fare riferimento alla colonna che compare a destra. Nel caso di Google Drive, la procedura da seguire è sostanzialmente identica: basta infatti caricare su Drive il file da condividere quindi cliccarvi con il tasto destro del mouse e scegliere Ottieni link condivisibile.

    Dalla stessa schermata si possono gestire ed eventualmente rimuovere le condivisioni con utenti in possesso di account Google. Nell'articolo Permessi Google Drive: chi ha accesso ai documenti e ai file?

    Un'analoga procedura è applicabile anche dagli utenti di Dropbox cliccando con il tasto destro del mouse su un file e scegliendo la voce Condividi. FileLink, infatti, è compatibile con i servizi di storage cloud Dropbox e Box.

    Nel momento in cui si prova ad allegare un file pesanti ad un messaggio di posta, Thunderbird suggerisce di caricarlo sul cloud. Cliccando su Collegamento è possibile fare in modo che il file pesante venga automaticamente inviato su Dropbox oppure Box e che un link venga posto nel corpo del messaggio.


    Nuovi post