Chrisadamo

Chrisadamo

CONDENSATORE GRAFICO SCARICA

Posted on Author Samugul Posted in Autisti


    In elettrotecnica, la scarica di un condensatore in un circuito elettrico è il processo mediante il . Come si vede dal grafico della corrente essa decresce esponenzialmente a zero e già ad una costante di tempo la corrente dal valore massimo. Studio sperimentale del processo di carica e scarica di un condensatore. Un po' di teoria Pertanto, il grafico relativo alla legge sarà di tipo esponenziale. a circuito aperto, il condensatore si scarica. grafico scarica condensatore. Come si può osservare dai grafici: La carica elettrica q, accumulata al variare del. Devid Olivotto 2 SCARICA DI UN CONDENSATORE PREMESSA Un conduttore isolato Costruiamo quindi un grafico nella quale si evidenzia l'andamento.

    Nome: condensatore grafico
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 29.61 MB

    L'andamento che si ottiene graficando il potenziale in funzione del tempo è per quanto riguarda la carica del condensatore di tipo logaritmico.

    Il grafico ottenuto del potenziale in funzione del tempo nel momento di scarica è di tipo esponenziale Provando a graficare separatamente i grafici di carcia e scarica di condensatori ideali le differenze sono assolutamente impercettibili Per il confronto tra dati sperimentali e pratici, nonostante la calcolatrice approssimasse il risultate del tempo ai millesimi, si è arbitrariamente scelto di considerare solo la parte intera, per evitare di paragonare risultati decimali a interi.

    Nonostante il cronometro utilizzato per l'esperienza fosse tarato al centesimo di secondo, i tempi ottenuti sono stati considerati prendendo solo la parte intera, poichè, per velocizzare l'esperienza non si è potuto ogni volta che il voltmetro segnava l'aumento e il calo di 2 Volt fermare il cronometro e ricominciare l'esperienza; in questo secondo modo i tempi misurati sarebbero stati precisi almeno al decimo di secondo.

    Bisogna considerare l'inesperienza degli sperimentatori che amatorialmente hanno tentato di calcolare le proprietà del condensatore. E' necessario tenere in considerazioni varie grandezze microscopiche che agivano all'interno del circuito dissipando energia e producendo effetti dissipativi che potrebbero aver causato errori casuali, ineliminabile; come l'esistenza di una resistenza interna presente in ogni calcolatore e misuratore elettronico, ma anche all'interno del generatore.

    E' necessario tenere in considerazioni alcuni errori che potrebbero essersi verificati al momento del calcolo.

    Di un condensatore oltre al valore della capacità intesa come l'attitudine ad immagazinare energia elettrica è importante conoscere anche la tensione di lavoro VL. Molto importante, poi, è il valore di tolleranza, generalmente espressa in percentuale sul valore nominale della capacità.

    Tra i condensatori fissi un posto di grande importanza è occupato dai condensatori elettrolitici ; essi sono condensatori che, rispetto agli altri, hanno un elevatissimo valore di capacità per unità di volume. In questi condensatori le armature sono di alluminio o di tantalio. Su una delle armature, che poi dovrà essere sempre collegata al potenziale positivo, viene provocata per dissociazione elettrolitica la formazione di uno strato di ossido isolante dello stesso materiale e che quindi si comporterà come dielettrico.

    Per quanto riguarda la capacità, il primo metodo è quello di stampare il solo valore della capacità, se troviamo solo il valore senza l'indicazione dell'unità di misura, allora quest'ultima è da intendere espressa in picofarad. Esempio un condensatore che riporta stampato 15, sarà da intendere di capacità uguale a 15 pF.

    Salendo ancora esempio Quindi 1u è 1uF mentre u1 diviene 0,1uF, in altri casi invece di scrivere l'unità di misura micro prima del valore, si utilizza mettere un punto al posto della u, quindi. Se voglio stampare 15nF che sono Con il secondo metodo, troveremo stampato n Con il terzo metodo troveremo stampato u22 o.

    E allora un condensatore siglato.

    In fine, come per le resistenze, per alcune tipologie di condensatori, esiste il codice colori, e quindi anche qua avremmo una tabella per identificare i colori. Per fare un esempio prendendo il condensatore a destra con le 5 bande colorate, possiamo stabilire la prima banda verde quindi valore 5, la seconda banda gialla quindi valore 4, la terza banda rossa, quindi moltiplicatore Nella prima prova abbiamo inserito una resistenza di 3.

    Abbiamo misurato il periodo di carica del condensatore che risulta 0. Conclusioni: Abbiamo verificato la costante di tempo t nella tensione di carica e di scarica del condensatore.


    Nuovi post