Chrisadamo

Chrisadamo

LU BOTTU SCARICARE

Posted on Author Tek Posted in Autisti


    Contents
  1. Rita Botto:Medley Musca Musca E Rota Rutedda Lyrics
  2. YouTube mp3 orgit Convertitore da Youtube a mp3 youtubemp3
  3. scarica lu bottu ( gioco degli anni 60 )
  4. ABBIRIRI CHI MI VEGNU E DICU ASCHI

scarica lu bottu (gioco degli anni 60). November 18, at AM. II gioco è prettamente maschile e si svolge all'aperto. Si formano due squadre di ugual. "Quattru e quattrotto scarica lu bottu, aceddu ncu li pinni scarica e vattinni unu dui e tri unu dui e tri unu dui e tri". gioco che durava il tempo del ritornello (vedi filmato) che recitava così: “ 4 e 4 ottu, scarica lu bottu, l'aceddu cu li pinni, Scarrica e vattinnni”!. aveva anche il compito di recitare a squarciagola una filastrocca -Quattru e quattr'ottu e scarica lu bottu, acieddu cu li pinni scarica e vattinni- per poi effettuare.

Nome: lu bottu
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 54.64 MB

Posta un commento. Scrivo di Trapani, della sua bellezza, dei trapanesi e dei miei ricordi da trapanese. A volte rifletto su temi generali, altre solo curiosità. Non è un giornale, né un periodico.

Il mioBlog è il luogo virtuale dove confluiscono le riflessioni di chi crede ancora nei sentimenti, nelle emozioni, nelle passioni, nell'uomo. Scrivo di Trapani, dei miei ricordi, condivido foto, immagini, notizie, emozioni.

Stai commentando usando il tuo account Google. Stai commentando usando il tuo account Twitter. Stai commentando usando il tuo account Facebook. Notificami nuovi commenti via e-mail. Notificami nuovi post via e-mail. Vai al contenuto Ecco un gioco di società da sempre passatempo dei bambini trapanesi. Share this: Twitter Facebook. Crispi e compagni,.

Crispi e compagni. Accusu i Savoia,. Accuso i Savoia,. Un seculu di guerri,. Un secolo di guerre,. Non hanno vuci e gridanu. Non hanno voce e gridano. Non hannu vuci e gridanu. Tri ghiorna di macellu. Tre giorni di macello. Ci fu carni a bon prezzu. Ci fu carne a buon prezzo. Li abbiamo qui. Ancora cca. I compari da mafia. Chi manu puliti,. Si si sicilianu. Se sei siciliano. Li abbiamo qui e cantano. I rusignoli ammaistrati. Cantanu odi o suli. Cantano odi al sole.

U furnu svampa. Il forno avvampa. A Sicilia non havi chiù nomi. La Sicilia non ha più nome. Soldati disarmati. Chi vrazza,. Con le braccia,. Chi vrazza…,. I chiamanu terroni,. Li chiamano terroni. A sicilia non havi chiù nomi;.

La Sicilia non ha più nome;. Io ci calassi i cordi di vini,. Antonelli, pag. Qui la guanciata l'avrebbe data Malco a Maria non a Gesù. San Petru e li latri. Ricorre anche in uno de' miei Canti pop. Cliiddi, santi pedi, ajutatimi! È il grido abituale di chi ruba, special- mente al valico degli stradali o in cantipagna. È Villico de' Latini. Si la cugghieru , fuggiro.

Questa fola è iradizione de' ladri, i PiTRÈ. Li latri e San Petru. Nel mandarmi dal comune di Sarda Ninfa la versione che io reco tra le Varanti e Riscontri , 1' egregio cav. E ag- giungevano che per essi vivono i giudici , 4 1 i avvocati , i camerien , i birri ; e che se venisser-o meno i ladri , tutta la gt nte perirebbe di fame 1 Si ricordi quel che cennai nei miei Ganti pop.

Petru appruvava cu la testa chi cci avia 'ntisu lu gran piaciri quannu vitti dari li Ugnati a lu curàtulu. Pietro s' era già riscaldato. Pietro vedea queste cose, e brontolava. Petru e lu tavirnaru. Adunca Gesù Cristu ur- dinau a San Petru di jiri a vinu : e chiddu senza fari- sillu diri du' voti cci iju. Pe- tru e si manciau lu finocchiu, e poi tastau lu vinu. Petru, Petru! Su questa voce è fondala la S. Petru e li Apostuli. Petru si nni carricau una nica nica. Tutti javanu carricati, e S.

Lu Maistru cci fici a tutti la bini- dizioni, e li petri addivintaru pani. San Petru, ca s'avia pur- tatu 'na pitrudda, cci scunchiu Parma! Tu pirchi ti purlasli 'na pitrudda? L'àutri ca jeru gravusi, àppiru pani assai. Pietro ben leggiero. Goniu S. Lu sapiti ch'aviti a fari? La spécia a S. Petru cci piaciu. Nni vulistivu cchiù? Malaiu 'nfirmu, ovvero malatu bonu, valgono veramente, gravemente ammalato. Riscalda un forno, meltivela dentro, ed ella guarirà.

La Mai- stru chi appi a fari? Knust, n. Una versione leg- gesi pure nelle Cento Novelle antiche, n. LXXV, ediz. Guaite- ruzzi. Unu di la vicinanza nn'appi piata e cci detti a man- ciari. Camina cainina : s'arridduciu nuda e mortu di farai. Io 'un vogghiu àutru ch'un tozza di pani pi manciari. Nui figghi 'un n'avemu Nni lu pigghia- mu a sta picciutteddu? Sta picciottu era attentu ca un cc'era lu paru. Un sur- vizzu chi si cci camannava , vaiava ; e poi vulia bèniri assai a li patruni.

Acchianamu nna sta lucanna. Prima di jirisinni, dici S. Ora io vurria fatta la grazia, ca cu' acchiana nna st'arvulu, arristassi senza pu- tiri scinniri senza lu pirmissu mio. E accussi li picciotti si scannaliaru, e li ficu 'un cci li tuccaru cchiù. Stu ciàscu avia la virtù ca Ac- caciùni cci putia 'nchiùjri a cu' vulia iddu.

Ma tale, Morti mia, prima vurria fatta un favuri. L'Apostati 'n vidennu chistu cci jittavanu quarchi botta a lu Maistru; 'nsina ca lu Maistru iju a lu scontru di Accaciùni.

Facitimi ijri 'n Paraddisu, e io vi la nésciu. Entravi e tOgdinfii via quella mosca , e ce ne andremo. Si cunta e si raccunta ca ce' era 'na vonta un Cum- mentu 'n Casleltermini, e cc'eranu abbastanli Monaci , e cci nn'era unu chi si chiamava Fra Giugannuni.

Quannu vieni 'n Paradisu nni par- laramu. Quannu era juntu lun- tanu. Dduoppu quarantanni si ij' a pigliari la buggiacca pri scarzarari la Morti pri muriri Fra Giugannuni ca era viecchiu, e 'un riggia cchiù. Cu tutta la buggiacca, niesci la Morti, e lu primu eh' ammazza , a Fra Giugannuni, e pùa a tutti chiddi chi nun avianu murutu nni li quaran- tanni. Ti dugnu risposta! Pietru lu vulia jittari fora, e Fra Giugannuni 'un vulia nèsciri. G jciano Di Giovanni. Né, potendo, passare la bara Rovinando il demonio a bambara.

Nella 14 delle Venetianische Volksmdrcheu di Widter e Wolf Ber Hollenpfortner Il Portinajo dell'inferno un giovane ha in dono un sacco, ove raccoglie chi vuole, e vi raccoglie ed im- prigiona anche il demonio. Vedi le note e i riscontri notati dal Kohler nel Jahrbuch f, rom. VI, pag. VII, pag. Lu porru di S. S' arriccunta ca la Mamma di S. Petru figghiu mio! E va nni lu Maistru, e pàrracci pi fàrimi nèsciri di sti guai! A lu nèsciri di lu 'Nfernu tutti Parmuzzi eh' eranu cu idda si cci affirraru a la pudia di la vesta K Chi nn' avia a fari idda?

Pi TRÉ. Gomu fa accussi, si rumpi la sfogghia di lu porru e iju cchiù a lu funnu di lu 'Nfernu. E chistu è lu cuntu di la Mamma di S.

Eccone una versione della stessa provincia di Palermo: La Mamma di S. Quannu la Mamma di S. Petru era 'nta lu Prialoriu, cu li prijeri di so figghiu nisciu pi jiri nna lu Paradisa. Pitre, n. Il, La Mamma di S. Petru, ed una simile nello Studio critico sui canti pop. Pietro com- parisce egoista anche nelle leggende serbe e greche. Un riscontro veneziano è nelle Leggende fantastiche pop. Vili: De la mare de San Petra che la vien fora da l'inferno oto giorni ogni ano; uno tirolese nelle Mdrchen und Sagen aus Wàlschtirol dello Schneller, n.

Pè Il porro di S. A proposito della prima versione siciliana da me pubblicata di questa tradizione, il Dr. Kohler mi citava la seguente sto- riella tedesca consimile, che leggasi in un ms. Petrus will einen Holzhacker, der zwar im Lehen sshr fleis- sig gewesen ist, aber sonst nichts gutes gethan hat, nicht in den Himmel einlassen. A proposito di persona avara, avida, egoista corrono comuni le frasi 'na mairi di S. Petru Sicilia ; la Madre di S. Schneller, pag.

Mastru Franciscu Manoia-e-S8di. Cunzamu li scarpi! Vossia d umani Phavi ccà. Sedi ccà, dunami 'na vasata. Patri, si aviti ssa 'ntinzioni, vai- ticci vui nni la Dràa. Ma nun ce' è chi fari: iddi sunnu assai e giuvini, ed eu nun li pozzu suttamèttiri.

Lu meg- ghia chi è, vaju eu nni la Signura, e cci fazzu lu criatu eu : lu survizzu è lèggiu, la Signura mi voli beni, ed eu staju, mància e vesta com'un Principi. La Mamma-Dràa lu misi a trattari comu un Principi. E cu' l'ha ditta, e cu' l'ha fattu diri. Di la so morti nun pozza muri ri. L' accidia genera 1' ozio, e Tozio è padre di tutt' i vizii. Ma il vizioso maestro soccombe alia sfrenata libidine della Megera, condegna morte a tanta iniquità.

La mamma, mischina. Comu trasiu s'ammucciau 'nta lu cunfissunariu. Cliiddi si nni jeru lutti, li bonajenti; la piccilidda ristau ddà sula. Ora celèsti lu megghiu. Murricari per vurricari, purvlca- ri, metter sci terra. Bonajenta , vedi voi. II, pag. Quos;o dice essa, la quale era pazza. Intenogai la narratrice perchè fosse 'Nfamuna la Saddaedda se era pazza; ed essa mi rispose: 'Unca leu chi sàcciul accussi èsti lu cunhi. Chista ora nn'animazza! Saddaedda, dispirata, si nni iju 'n casa sua.

Li vicini la matina jeru a tuppuliari nni la fpicciotta; la picciotta era morta; scassaru la càscia e vittirii tutti cosi alParia. Jeru a chiamari a so matri, e murricaru a Saddaedda.

La raatri quasi ca si flci leta, cà Sadaedda era foddi K E accabbau lu cuntu. Lu menzu-gadduzzu. Quannu po' vinni la teinpu ca li puddicini scuvàru ed eranugrussuneddi 2, si Phannu spar- tutu billissimamenti la mità pr'unu. Nn'arristava unu spa- ràggiu. Chi fannu? Una di li du' cummari appi pietà di stu menzu gadduzzu e nun si lu vosi manciari : cci cusi ben pulita la vozza e li vudidduzza, e si misi a pà- scila cu muddicheddi di pani; e tantu fici ca la menzu gadduzzu campau.

Ma tutti cosi avia fattu lu menzu-gadduzzu, ca passàru li fati e Tavianu 'nfatatu. Staiti ddocu dici , ca prima he sèrviri a cui si lu merita e tu vinisti l'ultimu di tutti.

E di sta manera sicutaru pri 'na pocu di tempu, ca lu men- zu-gadduzzu cci facia tutti li survizzedda a so matri iddu la chiamava sempri matri. Successi 'na vota ca la mairi avia a mannari a pasciri lu porcu fora lu paisi, e nun avia a cu' cci mannari. Ddà lu porcu misi a scavari cu lu mussu, com'è solitu quannu cercanu manciari; scava, scava, ed aitrova 'na billissima càscia tutta di ferru, chiusa cu tri chiavi, e a lu scrùsciu si vidia ca era china di dinari, di munita d'oru e munita d'argentu.

Nun sai ca zoccu si trova, tocca a lu Re? Vattinni tu, ca chista P àmu a purtari a lu Re. Chi fazzu? Li lupa néscinu e si mancianu tutti li cavaddi di So Maistà. Lu 'nnumani lu Re manna a vidiri si lu menzu-gadduzzu era mortu. Li lapi nèscinu tutti, e tutti appizzanu alFanchi di lu Re.

La matri di la menzu-gadduzzu di sta manera arricchiu, e d'ali ura 'n poi misi a sfrazziari cu palazzi e carrozzi e lu menzu-gadduzzu era sempri 'nsèmmula cu idda.

Iddi arristaru filici e cuntenti, E nui ccà senza nenti. Firriulieddu cci ij' appriessu, e va a trova lu Dragu e l'ammazza; si piglia la suoru, 'na quantità di dinari, e si nni vannu nni so ma- tri, e restanu tutti cuntenti. Di Giovanni. C era 'na vota Cummari Vurpidda e Cummari Crapaz- za. Iju 'na vota Cummari Crapazza e ci scippau la casuzza. Idda, Cummari Vurpidda, si misi a chianciri. Poi si ni iju la pecura ni Cum- mari Crapazza , e la iju a rimpravirari. La Crapazza cci rispasi lu stessu, e idda scantata si ni iju.

Fra di l'àutri ci iju lu surci e ci dissi a la Vurpidda. Diciti la vostra, ca la mia è ditta. Questa è ima delle novelle puerili o Tavolette scherzevoli che si dicono a' bambini. Vedine un esempio e un riscontro lon- tano nel Petruzzo della Novelloja fiorentina, pag.

La Crapa e la Monaca. Una vola cc'era e cc'era na monaca di casa, e la sira, comu scurau, iju a'ddumari la cannila nni la vicina. Pas- sa a un crapàru cu 'na pocu di crapi, e 'na crapa si ci 'nfl- lau sulla lu leltu di la monaca. La monaca turnau. Nesci, crapa! Idda arristau filici e cuntenti, E nui ccà chi nni munnamu li denti. La Gatta e lu Surci. Vattinni, ca 'un ti vuogghiu. Ma iddu 'un iju accussi, ca la pignata vugghia, e lu surci arristau ddà dintra.

Vinni la gattaredda , e si misi a chianciri ; ma lu sur- ciddu nun cumparia. Pigghia la gatta, e cala la pasta pi manciari. La funtana cci spijau: — ce Aceddu, comu si' accussi spinnatu? Nicola, comu ti dici la Missa cu lu culu di fuora? Nicola, mi dicu la Missa cu lu culu di fuora.

Riggina, e comu cerni farina? Nicola , si dissi la Missa cu lu culu di fuora; e jeu comu Riggina vaju a cernu la farina. La valenti pigghia un lignu e si scaddozza li denti. Lu sagristanu si jetta di lu campanaru. E li zappunara levanu la testa a cu' veni veni. Una versione greca di Martano Terra d'Otranto è in Morosi,.

Lu nasu di lu Sagristanu. Si riccunta e cc'era 'na vota e cc'era un sagristaneddu, chi ogni matina scupava la Chiesa.

Ajeri lu gaddu pinsau di beni di ancugnari a lu tinidduzzu di lu porcu chi si stava mangiannu la canigghia, e 'nta 'na vu- tata d'occhi, gnàu! Vedi al voi I, pag. Gei la misi 'ntr'ón saccu e Mastra Jseppi , senza sapiri né leggili né scriviri , si la jittau supra li spaddi e si nni iju pi fatti soi. Sta picciotta si la putia purtari a la Chiesa? Arrivatu a la marina, asciogghi lu saccu e comu va pi àprilii, la cani s'abbenta fariusa e jetta cu un gran muzzicuni 'ntra lu nasu.

In Palermo non si usa a questo proposilo la voce patri. Iddu tuttu cuntenti si pigghia lu carrettu; si nni va nni lu carvunaru, lu carvunaru cci duna lu carvuni, lu car- vuni lu purtau nni lu firraru, lu firraru cci duna lu zap- puni, lu zappuni lu purtau nni lu lignaloru, lu lignaloru cci duna li ligna , li ligna li purtau nni lu furnaru , lu furnaru cci duna la pani , lu pani lu purtau a la cani , la cani cci detti lu pilu, lu pilu lu misi 'ntr'ó nasiddu, e cci sanau lu purtusiddu.

Salentina, , in 4. Leg- gende, n. Ili: Trianniscia lascia una cesta a un cantiniere; gliela rubano, e il cantiniere per farlo tacere, che gridava, gli dà ducati. Preso i! VI; nel Topin delle Novelle pop. Li vecchi. Si riccunta e si riccunta ca 'na vota cc'era un vecchia e 'na vecchia.

Frijeru lu toccu di la sosizza; raan- ciaru. Accabbata di manciari, chi ficinu? Pàssanu tanti e tanti surdati. XVI : La novella del sig. Ma la goffaggine popolare, le goffe invenzioni della fan- tasia popolare, importano anch'esse allo studioso, alla demopsicologia. Leggasi pure: Montel e Lambert, Contes populaires, n. Vedi Reviie des Langues romanes pubhliée par la Socièté polir V ètude des langues ro- manes; t.

Coculidda Co- culidda, scupa la casa. Si accattu sanàri di mènnuli, la mènnula mi scorcia; s'accattu sanàri di nuci, mi scorcia. La narratrice accompagnava questa parola con un gesto che segna suirindice della sinistra, un lantineUo.

Ma el gessumin! Uno degli uditori dirà naturalmente. La travatura. E dui. E tri Una novellina simile è nel Novellino, n. Lu 'nniminu. Jùncinu a 'na chianura , e vidinu 'na casa senza tettu e senza mura, e cc'era 'na bella don- na, chi nun l'abitava ne notti né jornu.

Rita Botto:Medley Musca Musca E Rota Rutedda Lyrics

E si tengono forte alla spalla tre carniere e tre bei sacchi: Ire senza nodi e senza lacci, e tre sfondati. Jiti a ddabanna la terra, ca cc'è un cavaddazzu mortu di cinquanta jorna : nni pigghiàti un pezzu : pista, catapi- sta, cci Puntati 'nlra la sola di lu pedi, e di bottu lu du- luri cedi!

Eccola : 'Na vota cc'eranu tri frati Ili senza funnu. Lu Re-befè. Curri un vavusu-tignusu-viscotta-e-minnusu: afferra Paceddu-be- ceddu-viscotta-e-minneddu. Lu cuntu di lu varveri. Bor getto. E 'na vota ce' era un baggiu. Ecco altri scherzi per far star buoni i bambini. Stu re, sta papa e stu nanu Palerm o. Statte citt', ce rno' te l'accont'.

In Napoli, del pari: 'Nce stava 'na vota, 'Nu viecchio e 'na vecchia 'Ncopp' a 'nu monte Statte zitte, ca mo' te lu conto. In Milano similmente: Ona volta gh'era on omm Após al domm, Cont el gerllett in spalla Vili, e nota 3. Che mai no se destriga: Volè che ve la diga? Vedi G. La moglie, saputo del lascito, si dispera: maestro Cecco, calzolaio che abitava al pianterreno del palaz- zo del principe, la conforta e consiglia, e prima che si sparga la nuova della morte del marito suo, si fa sostituire nel Ietto cogli abiti principeschi.

Chiamato il notaio, divide i beni tutti in due parti, l'una, la migliore, per sé, l'altra per la princi- pessa. È la VI delle rarissinie Novelle di M. Si ni iju un siryituri, e iddu nni pigghiau n' àutru.

Si chia- ma V arripusanti. Si chiamanu li 'mpidugghianti. Si ni iju 'ntra la cucina; c'era la gatta supra lu fucularu. Chista, gatta si cliiama? Si chiama allegra- populu. Si chiama vesti-populu. E poi nni maritammu nuiàutri dui. Scinniti di l'arripusanti, mittitivi li zucculanti , dati a cura pi li 'mpidugghianti! Lu gattu si tirau lu mèc- ciu di la cannila, si ni iju 'mmeozu lu linu, e si nun curriti pri Tacqua, si perdiau tutti li sustanzi. E accussi fi- nisci lu cuntu di Tippiti nnàppiti.

Una versione siciliana è in Pitrè, Otto fiabe e novelle, n. VII : Lu rnastru scarparu fdosufu. Le parole del servo nel! La stessa novella è nelle Tredici piacev. IX, fav. Un affettuoso art colo necrologico del sig. Vincenzo Gialongo mi apprende oggi stesso 21 marzo , mentre io correggo queste stampe, essere il bravo Mnrolla morto in Poli zzi il 15 febbraio. Sia pace alla sua bell'anima! Il giovane risponde bene; ma Pa- piro gli dà dell'asino e lo corregge dicendo che le voci latine corrispondenti sono ripossarium , saltagraffa , carniscoculum , ahondantia, suhstantia.

Li quattru minchiuna. Li tri minchiuna di Palermu. Eu su- gnu lu cchiù minchiuni, e la cappottu tocca a mia. Eu, sutta la botta chi me mairi nisciu, vaju pi lu panàru; ac- cumenzu a manciarimi ddi ficu. Pi mala fortuna mia veni me matri chi si scurdau la curuna K Chi mi truvava eu? A cu' va a'ddumanna pi sta curuna me matri? Jamu a lu secunnu. E pi la me minchiunanza ristai senza né zita né occhiu. Quello sbruffo continuo di acqua mi cadeva sempre suU'occhio, e me lo fece schizzar fuori, e n e lo ridusse una cosa da far pietà..

Quannu vui mi faciti vèniri ssi stivaletti, quantu vuliti vi dugnu. Eu pi Pamuri di la me zita mi fici tagghiari mezzu pedi, e la scarpa mi vinni. Ma cu ssa scusa cci appizzai lu pedi e puru la zita, ca nun mi vosi cchiù.

La terza pri nun si chiù- diri la porta nni li gran timpurali arristau morta di lu friddu. La stessa novella nostra trovasi nelle Tredici piac.

Notti dello Straparola, not. Vili, fav. Un gen- tilhuomo pronuncia dover esser di colui che farà k più pol- tronesca prodezza, e la causa rimane indiscussa. Cu' cci aveva a rispunniri, ca era paggbia? Gli stessi bùrgiura ho visti in Trapar' pel saie fatto nelle Saline. È una satira contro i Palermitani, i quali secondo questa novellina non saprebbero distinguere una casa modesta da un monte di paglia. Lu pignataru di Palermu K 'Na vota si canta e s'arriccunta ca cc'era una di chisti pignatara di Palermu ca nèscinu pri li paisi cu un càr- ricu di ruttami e la vannu vinnennu.

Dunque com'ho a fare io? Favula ditta, favula scritta, Diciti la vostra ca la mia è ditta. Io ccà m'hé 1 In questa novelli la narratrice palermitana racconta nella sua ] ur- lata natale, ma imita nei dialoghi il parlare di qualche comune lontano di Palermo. La caratteristica di questa imitazione è Vjeu per io e la gli per gghi nelle voci vogghiu, flgghiu ecc. Altre voci non palermitane sono: picciliddu per picciriddu, jisterna per ci- sterna. L'origine di que- sto proverbio si trova nella presente raccolta.

Ora mi nni vaju Juncennu 'nta n'àutru paisi vidi 'na gran fudda davanti la Chiesa: e cc'era una tutta 'mpupata ' chi s'avia di ma- ritari e com'era longa longa e avia 'na gran pittinatura, 'un putia tràsiri di la porta ; e la matri chiancia , ca la figghia 'un si putia maritari, e cci arristava schetta. Addetta o gaddetta, o 'ddetta , o agghietta, fossarella che fanno i fanciulli per giocare alle nocciole. A la nisciuta di la Chiesa, iddu flci lu stissu.

Lu picciottu si nni iju 'nta n'àtru paisi. Arrivau prima di Tarba, e s'arristau darreri la porta d'un raaàsenu.

Sin- teva parrari, talia di lu pirtusu di la porta , e vidi un maàsenu china di casci, a la cima 'na donna chi filava. Gè' I comu cci arrivau la gastima! Si ricordi che nel popolo S. Antonio è il protettore di questi a- nimali. Lu picciottu cuntintuni si pigghia tutti sti cosi e si nni torna a lu so paisi.

La matri comu lu vitti cu sti cosi vosi cantata tutta la storia, e iddu cci la cuntau.

Ani- varu a maritarisi, e lu 'nnumani chi si livaru ziti, lu zitu nisciu pi jirisi a'ccattari la carni. Comu iddu cci dissi accussi , la mugghieri si misi a chianciri dicennu:— a Gè'! È un uso funebre. Fuori Sicilia corre ne più né meno che tra noi, e ne varia solamente qualcuno degli aneddoti avvenuti al giovane che va in cerca di una sposa meno sciocca di quella che s' è scelta nel proprio paese. Nel Bastianelo, n. VI delle Fiabe popol.

NONI, un marito lascia la moglie perchè essa, la madre e il padre piangono pel pensiero che passa a lei di poter ingravidare, fare un figlio a nome Bastianello e questo figlio poterle morire.

YouTube mp3 orgit Convertitore da Youtube a mp3 youtubemp3

Partendo col proposito di tornare se troverà persone più balorde, in un altro comune egli trova uno sciocco che volea riempire un recipiente d'acqua collo staccio; in un altro uno che s' affanna a saltare da un albero a gambe ferme per infilarsi di un colpo un paio di brache tenutele dalla moglie; e in un altro una nuova sposa che non potea entrar solenne- mente per la porta della città perchè a cavallo, ed era più alta che la porta.

L'aneddoto del porco si riscontra con quello di Maju longu di questa raccolta, e con un altro affatto simile della Pata- locca, novella bolognese della Coronedi-Berti.

Lu Lar carisi. Lu bastimentu facia vela di notti e lu friddu trasia 'nta Tossa. Mischinu lu Larcarisi battia li denti e si cugghia tuttu; ma era tuttu 'nùtili, ca la tramuntana cci tagghiava la facci.

Ga- mina, camina, tant'è lu bastimentu junci a vista di Pa- lermu. Diciti la vostra ca la mia è tutta. Lu Partannisi. Ora lu tagghiu. Quannu menu si Paspittava, rùmpisi lu ccippu, e abbucca dd'arvulu, e lu Partannisi scuppau 'n terra quant' era longu. Murivi I Purtatimi a vurvicari a lu paisi! Cc'eranu ddà 'nna pocu di viddani, tutti Partannisi. E chiddi, minchiuni minchiuni lu pigghiaru pri dda 'ntrata e lu purtaru a Partanna comu mortu. Si legga Le Cene di A.

Grazzini detto il Lasca, c. Nelle parole messe in bocca al capaciolo è imitalo e forse non esage- rato il parlare di quel comune, il quale vocalizza assai più che non si creda le parole. Haju passatu tanti patruna, e ora capitavi 'mmanu vostra.

La mugghieri pi 'na parti si dispiaciu ca cci avia appizzatu lu sceccu, ma pi 'n'àutra parti cun- tintuna ca lu sceccu avia addivintatu cristianu. Lu viddanu si misi a chianciri pi la pena, poi cci misi 'nta li manu un dudici-tari e nni lu fici jiri. Lu latru comu si nni iju, iju a truvari a lu cumpagnu cu lu sceccu; cci cunta tuttu lu fattu, e jeru a vinniri lu sceccu.

Lassamu a.

scarica lu bottu ( gioco degli anni 60 )

Cristina a T Alivuzza va p' accattari un sciccared- du. Stu bazzariotu lu iju a vinniri a la Fera di S. Va lu Gapaciotu e metti a firriari fera fera.

Quarchi n'àutru piccatazzu gruossu gruossu aviesti a faril Chi ti criedi ca t'accattu arrieri? No, no, minchiimi! Treviso, Andreata, , in 8; ristampa di altra edi- zione dello stesso anno fatta in Venezia, ma datata da Ornate, Questi uscito dal bosco, trova il romito in luogo dell'asino, lo mena a casa, e lo trattien seco a cena e all'albergo.

La bestia inso- lentisce, prevarica, scandaiezza Gianni e impenitente si muore. Operette dell'ah. Venezia, Gir. Questa novella fu anche tradotta in inglese col titolo : The Cordelier metamorphosed, by Migh.

Colombo, and the Cordolier cheval of Piromvith a traslation in prose and verse hy M. Hib- BERT. London, , in 4. Un juornu stu Calavrisi si risolvi.

I, pag. Gaetano Di Giovanni.

ABBIRIRI CHI MI VEGNU E DICU ASCHI

Stu me cullega è 'ncummudatu , ed è divotu di S. In Sciacca son celebri le feste che si celebrano a questo santo, sulla cui bara si siedono quand'essa si porta in giro per la città tutti quegli erniosi che attendono la guarigione istantanea.

Qualela o cautela, brachie- re, cinto erniario. Ristanna poi la cridituri ni la putia cu lu mirceri , chislu ci dissi di tràsiri ni una càmmara ddà dintra, pirchi ni la putia li genti lu putianu vidiri.


Nuovi post