Chrisadamo

Chrisadamo

SCARICARE VISORE NOTTURNO

Posted on Author Voodook Posted in Autisti


    "Visore Notturna Simulazione" cerca di stimolare un dispositivo a visione notturna. Con questa app dovresti vedere oggetti persone la sera che non potesse. NIGHT OWL VISORE NOTTURNO IR 3X XGEN PRO. Il visore notturno Night Owl xGen. Pro con zoom digitale x è l'ultimo sviluppo del settore ad uso civile. Visore Notturno Monoculare 8x40 a infrarossi con camera digitale HD con funzione di riproduzione video e uscita USB per la caccia e l'osservazione della. I visori notturni digitali Pulsar Digisight sono stati progettati con l'innovazione Scarica da Google Play per dispositivi Android oppure scarica da App Store per.

    Nome: visore notturno
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 28.42 Megabytes

    Ci sono diversi modi per utilizzarlo, sia per uso privato sia per uso professionale. In effetti, trovare un visore notturno che abbia delle ottime caratteristiche non è affatto facile.

    Infatti, se non si conoscono bene quelle che sono le caratteristiche di questo particolare prodotto è possibile acquistare un articolo che in realtà non riesca a funzionare nel mod o corretto. Occorre dunque fare una panoramica sulle caratteristiche principali che un buon visore notturno o binocolo infrarosso dovrebbe avere, in modo da riuscire a comprendere anche come funzionano questi particolari oggetti.

    In primo luogo, come qualsiasi prodotto di alta qualità un visore notturno che sia al top di gamma dovrebbe avere una resistenza al di sopra degli standard.

    Invia ad un amico

    Per tutte le applicazioni più critiche, che richiedono capacità più prestanti, è ancora necessario usare termocamere raffreddate. Gli strumenti di visione notturna che sfruttano la radiazione infrarossa presentano l'interessante proprietà di essere in grado di "vedere" oggetti altrimenti invisibili:. Una tecnica alternativa all'infrarosso passivo, sfrutta la capacità delle superfici di riflettere gli infrarossi vicini NIR-infrarossi con lunghezze d'onda prossime a quelle della luce rossa visibile.

    Ovviamente alle persone non provviste di visori ad infrarossi, l'ambiente continua ad apparire buio. In passato, quando le termocamere erano poco sensibili, questa era una tecnica piuttosto comune, oggi è ancora utilizzata quando:.

    Allo scopo di superare le rispettive limitazioni pratiche di questi dispositivi, recentemente sono stati realizzati sistemi "misti", che cercano di integrare i due principi di funzionamento.

    Una via è quello di rendere gli intensificatori di luce sensibili almeno all'infrarosso vicino NIR , che gli oggetti emettono in una certa quantità, anche in assenza di un proiettore apposito.

    Cataloghi Yukon e Pulsar 2018: ottiche diurne e notturne

    Un'altra via è quella di visualizzare su un monitor un'immagine "combinata" proveniente da due dispositivi un intensificatore e una termocamera , rielaborando in tempo reale le rispettive immagini. Il primo modo è tipico degli intensificatori d'immagine, ma anche delle termocamere che sfruttano l'infrarosso vicino. Le immagini appaiono spesso "verdi", questo perché gli schermi di questi dispositivi usano spesso dei fosfori verdi: oggi nessun dispositivo di questo tipo ha la capacità di visualizzare i veri colori di un oggetto per come apparirebbe con la luce naturale.

    Il secondo modo è tipico delle termocamere che sfruttano l'infrarosso emesso direttamente dagli oggetti. L'immagine si presenta a colori, ma i colori non corrispondono a quelli della normale percezione ottica, ma rappresentano aree a temperatura superficiale simile. Gli oggetti sono colorati da una scala di colori che va' dal giallo, per i corpi più caldi, e a scalare arancio, rosso, blu fino al nero, per i corpi più freddi.

    I primi apparati di visione notturna compaiono alla fine della seconda guerra mondiale. Questi erano dei sistemi infrarossi attivi, chiamati anche "convertitori ad infrarossi".

    I dispositivi erano dei tubi a vuoto es. Pur efficaci, questi strumenti fornivano un campo focale e visivo molto limitato; le dimensioni, i pesi e il consumo energetico li rendevano scomodi e poco pratici.

    Infine, necessitando di una fonte luminosa ad infrarossi , si rendevano localizzabili dai nemici. Nel dopoguerra si perfezionano le termocamere, e si inizia ad utilizzare sistemi di visione ad infrarosso-passivo. Negli anni '70 giunge a sviluppo la tecnica basata sull'amplificazione delle fonti di luce disponibili di notte: per esempio, l'intensificazione della luce generata dalle stelle e della luce riflessa dalla luna.

    Questi dispositivi si sono evoluti fino a raggiungere dimensioni, pesi e consumi molto contenuti, adatti ad essere usati come dispositivi portatili personali tubi da 18 mm di diametro e consumi dell'ordine di mW. Oggi sono in commercio cannocchiali, binocoli e occhiali questi in realtà un po' ingombranti utilizzabili per la visione notturna, alimentati con delle batterie tipo AA. Nel frattempo, lo sviluppo delle tecnologie a semiconduttori, rendeva disponibile materiale prestante da usare come elemento sensore nelle termocamere.

    Queste progredirono in termini di dimensioni, consumi e sensibilità, fino al punto di poter essere utilizzate proficuamente anche a temperatura ambiente nei sistemi a infrarosso-passivo.

    La tecnica dell'intensificazione di luce, unita a quelle delle termocamere all'infrarosso piccole ed efficaci, ha prodotto visualizzatori notturni potenti e pratici, il cui sviluppo prosegue tuttora. Lo sviluppo futuro della materia è rappresentato dalla "Sensor Fusion", ovvero l'integrazione in un unico apparato di un tubo ad intensificazione di luce con una termocamera.

    Sarà poi l'operatore a stabilire l'impiego di uno rispetto all'altro, o combinare le due immagini. Dispositivi che utilizzano 1 o 3 tubi fotocatodici ad accelerazione di elettroni es.

    L'immagine viene focalizzata otticamente sulla superficie del fotocatodo del tubo di tipo alcalino , questo emette elettroni in proporzione ai fotoni di luce che riceve. Tramite delle piastre elettrostatiche, gli elettroni vengono accelerati e focalizzati sulla superficie di uno schermo posto all'altra estremità del tubo. Delle piastre a fibre ottiche possono accoppiare a cascata altri due tubi, ottenendo guadagni complessivi di luminosità fino a volte.

    Anche in questo caso, l'immagine viene focalizzata otticamente sulla superficie del fotocatodo del tubo, e questo provvede ad emettere gli elettroni. Dopo il fotocatodo, è presente una piastra costituita da milioni di microcanali cavi di vetro, rivestiti da un sottilissimo strato di semiconduttori ogni canale ha il diametro di circa 12,5 micron ; questi di fatto costituiscono i pixel del dispositivo.

    Quando un elettrone, generato dal fotocatodo, entra in un canale, finisce per urtarne la superficie interna; il risultato è l'emissione di altri elettroni da parte del materiale semiconduttore, i quali sbattendo anch'essi sulle pareti del tubo, moltiplicano gli elettroni con un effetto a cascata in pratica ogni tubo si comporta come un fotomoltiplicatore.

    All'altra estremità della piastra è presente uno schermo, che riproduce l'immagine "intensificata". La focalizzazione è generata dalla sottigliezza dei canali. L'arseniuro di gallio è anche più sensibile dei materiali precedenti, e permette di portare il guadagno di luminosità fino a volte.

    Inoltre è stato anche dimezzato il consumo elettrico. Dedicato alla caccia sia notturna che diurna, qui troverete i link relativi ai cataloghi e anche ad una rassegna degli articoli e delle prove dei prodotti Yukon e Pulsar correnti. Puoi sfogliare e scaricare il catalogo Yukon Advanced Optics qui. Il produttore di ottiche Yukon Advanced Optics Worldwide, con sede in Lituania, è rappresentato in oltre 70 paesi nel mondo.

    Victory NV 5.6x62 T* - visore notturno

    Dalla sua fondazione nel , l'azienda ha continuato ad evolversi ed è ora il produttore di una vasta gamma di dispositivi di imaging termico per il mercato civile. Yukon Advanced Optics Worldwide è un fornitore leader nello sviluppo e nella produzione di dispositivi digitali per la visione notturna. La linea di ottiche offerte spazia dai classici cannocchiali da puntamento — diurni, con visione termografica e visione notturna, ai binocoli, telemetri laser, visori termici e dispositivi per la visione notturna, ai cannocchiali da osservazione e una vasta gamma di accessori.

    Le ottiche sono notevoli per la loro semplicità e praticità. Eccellono in qualità dell'immagine, ergonomia e sicurezza, nonché per la flessibilità di impiego.

    Nei loro nuovi cataloghi , Yukon Advanced Optics e Pulsar presentano i loro prodotti ottici di qualità basati su tecnologie proprietarie e brevettate. Entrambi i marchi ottici si concentrano sulla connettività dei prodotti offerti nel catalogo di quest'anno. Abbiamo già provato e recensito alcune di queste ottiche su all4hunters:.

    Date un'occhiata ai cataloghi Yukon Advanced Optics e Pulsar. Scoprirete sicuramente molti prodotti interessanti! È possibile trovare ulteriori informazioni sulle ottiche di alta qualità Yukon Advanced Optics Worldwide direttamente sul sito Web del produttore.

    Per ulteriori informazioni sulle ottiche da caccia Pulsar, visitare il sito Web del produttore.

    Ideali per la caccia, la sorveglianza e il tempo libero, partono da un prezzo di ,00 euro, IVA inclusa. Abbiamo provato il cannocchiale con tecnologia digitale ad alta sensibilità Yukon Photon RT 4. Il cannocchiale Photon RT offre anche la registrazione video integrata, un potente illuminatore IR da nm e la tecnologia Stream Vision.


    Nuovi post