Chrisadamo

Chrisadamo

SCARICARE UBUNTU SU VIRTUALBOX

Posted on Author Gucage Posted in Musica


    Contents
  1. Come installare Ubuntu su VirtualBox
  2. Come installare Ubuntu: la guida completa
  3. Come creare un macchina virtuale Windows
  4. Introduzione

Per scaricare VirtualBox sul tuo computer, collegati al sito ufficiale del programma e clicca sulla voce Windows hosts. Accedi al sito web di Ubuntu. Avvia il browser internet del computer e usalo per accedere al seguente URL. In questo modo. Come installare Ubuntu Linux su VirtualBox Dopo aver scaricato ed installato da questo link la Oracle VirtualBox, saremo pronti per la. Come creare una macchina virtuale per installare Ubuntu su VirtualBox e provare il scegli Ubuntu o Ubuntu (64bit) in base alla versione che hai scaricato.

Nome: ubuntu su virtualbox
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 70.81 Megabytes

Come prima cosa dobbiamo scaricarci il file della distribuzione linux ubuntu che andremo ad installare e lo facciamo cliccando sul seguente link:. Quindi inseriamo il nome della macchina,a nostro piacere, tipo di sistema operativo e la sua versione. In questa schermata dobbiamo selezionare il quantitativo della ram che dovrà avere a disposizione il sistema operativo.

Clicchiamo su avanti e avremo la seguente schermata:. La scelta fatta da noi è quella dinamica.

Dopo aver installato VirtualBox dobbiamo creare una o più macchine virtuali.

La creazione di una VM ovvero Virtual Machine è molto semplice: cliccando il pulsante "New" verrà fatta partire una procedura che guiderà l'utente nel processo di configurazione ed installazione. In questa guida vedremo i passaggi per installare il vecchio ma stabile Windows XP.

Il primo passo è quello di inserire il nome che si vuole assegnare alla VM e, contestualmente, va specificata la tipologia e la versione del sistema operativo che verrà installato. Per i sistemi operativi Windows sarà anche necessario avere a disposizione una licenza d'uso valida. La memoria da rendere disponibile al sistema operativo virtualizzato è molto importante perché influisce in maniera significativa sulle prestazioni sia della macchina fisica che di quella virtuale.

In ogni caso consiglio di effettuare qualche test con il proprio sistema in modo da trovare un giusto bilanciamento delle risorse.

Come installare Ubuntu su VirtualBox

Dopo aver stabilito quanta memoria RAM assegnare alla VM, si deve creare un hard disk virtuale dove andrà installato il sistema operativo. L' hard disk virtuale è un file che al suo interno contiene il filesystem virtuale.

A differenza delle precedenti versioni, VirtualBox 4 offre la possibilità di scegliere fino a quattro formati di hard disk:. Sempre per quanto riguarda la creazione del disco fisso, va scelto anche il tipo di archiviazione tra due modalità:. Infine, stabilita la tipologia di hard disk, sarà sufficiente indicare la posizione in cui si intende salvare il file e la dimensione da assegnare. Attenzione a non inserire una dimensione maggiore rispetto allo spazio libero nel disco! Alla fine del processo di creazione troveremo quindi la macchina virtuale nell'elenco:.

Ora che la macchina virtuale è stata inizializzata possiamo configurarla prima di procedere all'installazione del sistema operativo. Basta selezionare la VM dall'elenco e quindi cliccando il pulsante settings per aprire la finestra di configurazione.

Configurati i parametri della macchina virtuale possiamo procedere con l'installazione del sistema operativo. Basta fare doppio click nella VM dall'elenco oppure selezionarla e cliccare il pulsante start.

La prima volta che la VM viene eseguita apparirà un wizard assistente primo avvio per la selezione della sorgente di installazione. Per poter usare al meglio la macchina virtuale è d'obbligo installare il pacchetto " Guest Additions " che, tra le varie cose, consente di:. Dal menu della macchina virtuale di VirtualBox , basta toccare il bordo superiore del monitor con la finestra della VM selezionata per farlo apparire oppure premere il tasto ALT sulla tastiera, si deve cercare la voce "Installa Guest Additions" dal menu "Dispositivi".

Appariranno quindi una serie di finestre di dialogo per scaricare il file iso necessario all'installazione:. Per poter usare le periferiche USB è necessario un passaggio ulteriore: si deve aggiungere il proprio utente al gruppo vboxusers. Ubuntu Gnome System Tools sarà quindi aggiunto all'elenco dei programmi e permetterà l'aggiunta del nostro account al gruppo vboxusers.

A questo punto basterà terminare la sessione e rieffettuare l'accesso utente per poter usare anche i dispositivi collegati tramite l'interfaccia USB.

La stessa combinazione farà ritornare VirtualBox in una finestra normale. Se si vuole installare VirtualBox in altre distribuzioni , come ad esempio Archlinux o Debian , il procedimento è molto simile.

Le principali differenze sono nel processo iniziale di installazione del pacchetto VirtualBox, mentre per il resto è pressocché uguale. Scusa potresti dettagliare i passaggi per configurare il riconoscimento USB?

Non ho capito vboxusers a chi fa riferimento se a Windows o a Ubuntu e comunque la strada mi sembra difficile da percorrere, potresti fare una guida specifica?

Su altri sistemi operativi invece non sono noti problemi di questo genere. Le CPU moderne sono equipaggiate con set di istruzioni addizionali e meccanismi hardware per incrementare le performance di esecuzione dei sistemi di virtualizzazione.

VirtualBox, o una Virtual Machine generata da esso, potrebbero non funzionare correttamente o funzionare molto lentamente, nel caso in cui le seguenti tecnologie non siano abilitate nel PC in uso:. La creazione di una nuova macchina virtuale è possibile attraverso alcuni passi, di seguito descritti.

A seguito di questi passaggi, VirtualBox finalizza le operazioni di installazione della macchina virtuale che ospiterà la distribuzione Ubuntu. Apparirà una finestra contenente diverse schede per le sezioni che compongono la VM appena creata.

Si consigliano le seguenti operazioni, per le quali è indicato il percorso, per migliorare le prestazioni di una macchina virtuale per Ubuntu. Si ricordi che la VM non ha alcun impatto sulle performance del sistema operativo host , se spenta.

Andare sul sito ufficiale di Xubuntu e selezionare la versione Cliccare su Avvio normale per avviare "accendere" la nostra nuova macchina virtuale ed avere sempre a disposizione la finestra Windows agganciata alla console della VM. Gran parte del lavoro più delicato è stato completato, sei quindi pronto ad installare Xubuntu o se preferisci, Ubunu sulla tua macchina virtuale nuova di zecca.

La tua macchina virtuale, o meglio il contenitore del futuro sistema operativo che andrai ad installare, è perfettamente in grdo di accogllierlo e di farlo funzionare come se fosse davvero in esecuzione su una vera macchina fisica. Tutti i commenti dovranno essere verificati ed approvati dal webmaster, prima di essere pubblicati.

Come installare Ubuntu: la guida completa

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo and the Privacy policy. IVA Come creare una macchina virtuale VirtualBox per Ubuntu Stampa. Necessità di provare un tipo di applicazione disponibile esclusivamente per un sistema operativo diverso da quello in uso Comparazione e verifiche di diversi sistemi operativi Ricerca e studio di nuove tecnologie e tecniche implementative L'elenco potrebbe diventare assai lungo e l'unico limite potrebbe essere solo la cratività dello sviluppatore.

Per facilità di consultazione, questa guida è suddivisa nelle seguenti sezioni: Introduzione Creazione di una nuova Macchina Virtuale Configurazione della Macchina Virtuale di VirtualBox Avvio dell'Installazione di XUbuntu A questo punto non resta che iniziare subito ad addentrarci nella creazione della nostra prima macchina virtuale 1.

Introduzione Se hai già avuto modo di leggere la mia precedente guida su Come installare VirtualBox sul proprio PC Windows , sono sicuro che sei già pronto per affrontare la creazione di una nuova macchina virtuale VirtualBox in preparazione dell'instllazione del tuo sistema operativo Ubuntu, di cui parleremo più tardi.

Creazione di una nuova Macchina Virtuale Se hai installato correttamente VirtualBox sul tuo PC, troverai l'icona dell'applicazione sul tuo descktop, cliccandola, Virtualbox si avvierà; potrai quindi cliccare su Nuova , nella barra in alto della finestra dell'applicazione, per creare la tua prima macchia virtuale.

Qui dovrai inserire: Il nome della macchina virtuale. Nell'esempio ho scelto di chiamarla Xubuntu Tuttavia potrai darle il nome che preferisci. Il Tipo di S.

Sistema Operativo nel quale sarà installata. In questo caso, è una macchina Linux , la cui versione logica è Ubuntu bit. La quantità di memoria assegnata. Ovvero, la quantità i memoria che quest macchina "vede" come se fosse memoria fisica.

Se assegnare un disco fisso Hard Disk alla VM. Ovvero se vogliamo che questa VM abbia un disco fisso proprio, il quale in realtà corrisponde ad un semplice file della tua macchina fisica. Qui puoi scegliere se vuoi eventualmente riutilizzare un precedente disco fisso il file della tua macchia fisica già utilizzato in precedenza per un'altra VM. Nella successiva scermata, potrai scegliere: Le dimensioni del disco fisso della tua VM.

Ovvero le dimensioni del file dell tua macchina fisica che lo rappresentano. In questo caso ho scelto di assegnare un disco di 20 GBytes. Il tipo di file relativo al disco fisso. Ovvero al formato del file.

Come creare un macchina virtuale Windows

Il tipo di archiviazione su disco fisico. Ovvero se l'allocazione del disco vistuale del file nella tua macchina fisica avviene tutto insieme, oppure se aumentare la grandezza del file nella tua macchina fisica, man mano che la VM richiede spazio sul suo disco virtuale. Cliccare su Sistema , nella colonna di sinistra della finestra, per continuare.

Nella sezione Sistema , è possibile modificare suggerisco di lasciare i valori preimpostati di default : Il quantitativo di memoria da assegnare alla VM che deve essere compatibile con il quantittivo di memoria fisica della macchina fisica. Il dispositivo di avvio.

Introduzione

Ovvero da quale device la tua VM tenterà di fare il Boot oltre a quale ordine verrà seguito per tentare l'avvio della VM. Il tipo di Chipset. Il dispositivo di puntamento. Per compatibilità suggerisco di lasciare il valore preimpostato di default, ovvero Tavoletta USB.

Alcune funzionalità estese. Cliccare su Schermo , nella colonna di sinistra della finestra, per continuare Nella cosfigurazione degli schermi virtuali da assegnare alla VM è possibile aplicare particolari configurazioni dello schermo o di schermi multipli per poter gestire al meglio la tua VM in condizioni particolari. Cliccare su Archiviazione , nella colonna di sinistra della finestra, per continuare Nella sezione Archiviazione, oltre a confermare la tipologia dell'Hard Disck di cui abbiamo parlato più sopra, c'è un elemento estremamente importante per il primo avvio della macchina che deve essere configurato correttamente: sitratta del Controller IDE.


Nuovi post