Chrisadamo

Chrisadamo

Spin Drop - per scaricare un file hai bisogno di alcune cose, come il mio sito web e il nome del fil

Posted on Author Dami Posted in Sistema


    DITTAFONO: REGISTRATORE AUDIO PER IPHONE E APPLE WATCH il sito web non è sempre molto amichevole specie per chi ha poca esperienza con gli screen Come funziona Una volta installata l'app Indiegogo sul proprio iPhone, di tutte le cose importanti di ogni giorno e di ogni momento della vostra vita. Alcuni degli strumenti gratuiti disponibili nella directory ufficiale WordPress sono Come regola generale, ti consiglio di installare sul tuo sito solo i plugin che sono Fare SEO nel modo corretto è essenziale per creare un blog di successo ed . Hai bisogno di inserire codici personalizzati (per esempio, quelli di Google . L'unica app di cui hai bisogno per ruotare i video su un iPhone, iPad o un telefono Ricorda che questo sovrascriverà il tuo file video e salverà il profilo appena ruotato Puoi scaricare il video sul tuo disco rigido, scaricarlo sul tuo telefono pratici che forniscono un modo conveniente condividere siti Web con amici o con. Solo noi ti diciamo come scaricare tutto a costo zero dai nuovi siti di file tecniche dei pirati per scaricare e registrare in un clic il meglio della TV APP: COSI CI GUADAGNO! .. che limitano il download di musica e film ad alcuni Paesi europei e non altri. .. Ho collegato il mio router ADSL2+ della Sitecom al PC fisso.

    Nome: spin drop - per scaricare un file hai bisogno di alcune cose, come il mio sito web e il nome del fil
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 18.69 Megabytes

    Skip to main content Skip to table of contents. Advertisement Hide. Elementi di informatica in diagnostica per immagini. Front Matter Pages i-xvii. Front Matter Pages Sintesi storica: dai primi calcolatori alla nascita del personal computer.

    My contribution was initially limited to a suggestion to make known and finance the initiative: to hold courses on the use of the Internet at an ARCI headquarters, which had existed for some time but was only just beginning to be discussed in Italy. That manual then went through six different editions and several reprints, selling a total of about seventy-five thousand copies.

    Personally, I thought that the Progetto Manuzio could be useful above all to make people understand the potential of digital, but I imagined that it would soon be supported and gradually replaced by larger digitization projects run by universities, libraries and research centers.

    I never thought it would survive twenty-five years. Book culture and digital school. What is it about? Gino Roncaglia : The book discusses the relationship between digital, school and book culture.

    Today, the competences linked to the management of complexity are often sacrificed in the name of what seems to me to be an unfounded myth: the idea that digital is natively, essentially, necessarily fragmented.

    This is not the case: in digital it is possible and indeed necessary to create also structured and complex contents, and the competences linked to the management of complexity are and will be increasingly important in the new information ecosystem.

    ELR: How did you personally experience the transition from paper to digital publishing? The idea that digital devices could also be used to read was quite natural, even if at the beginning, in the absence of digital devices the size of a book, digital reading was identified with reading on the computer. However, the screens were still very poor, the batteries did not last long, the protection mechanisms were a nightmare in part, they continue to be and the first generation of players was not very successful.

    It was better for Kindle and its successors; I have a good collection of those too. Gino Roncaglia: Ah, you can find a lot of start dates, but in my opinion the story starts much, much earlier than In a certain sense one could say that the first work in the field of digital publishing was the pioneering work of Father Busa, who in contacted IBM to propose the use of electronic computers as a tool for encoding texts and in particular the texts of Thomas Aquinas.

    The result is an ambitious project, the Index Thomisticus, now accessible through the web and that already in could boast the digitization of 56 volumes of texts by Thomas and other Thomist authors. As I mentioned, in Italy there was the Progetto Manuzio, born in , then the e-books for the first generation of e-readers, between and Other important moments include the spread of Kindle and readers based on electronic paper and electronic ink since Sony Librie was launched three years earlier but had had very little success , the transition from the OEBPS format to its successor, ePub2, the spread of tablets since , the transition from ePub2 to ePub3 … As you can see there are stages related to the hardware of reading devices and stages related to encoding formats.

    And it is a story that continues, both on these two sides and through the evolution of the market. How has the market developed and how have electronic books been sold and disseminated in the 20 years from ? Gino Roncaglia: The market has developed unequally in different countries. In fact, despite the expectations at the time considerable , the first devices of the period were not able to build a numerically significant market: the birth of the e-book market occurs only from , with the launch of the Kindle; and the market grows initially especially in the United States, where Amazon is an already established presence and promotes the Kindle not only as a reading device for e-books but also as a means of access to its ecosystem for reading also made up of recommendations, reviews, discounts ….

    It is the Amazon ecosystem as a whole that wins the first challenge, more than the Kindle as a specific device.

    Europe has followed rather slowly, and we are still far from those figures. In recent years, however, the market has remained fairly stable: the share of digital reading has grown much more slowly, and if anything, the internal segmentation of digital reading has changed: more and more books published by independent or self-published publishers are being read digitally, while the digital market share of the major publishers in recent years in the United States has remained steady, if not even decreased.

    In Italy we follow at a distance, and the digital market is marked above all by the effect of discounts and special offers: only books offered at prices much lower than paper sell discreetly. But the limitations of reading devices — for example, compared to annotations — and the very complex management of protections, which prevent the simple passage of an e-book from one device to another, slow down growth.

    This certainly does not displease publishers: the mechanism of returns in Italy makes them highly dependent on physical bookstores, and e-books have been perceived — and continue to be perceived — as a factor that could undermine this balance. Also for this reason, publishers have little interest at the moment in stimulating the growth of the digital publishing market, except in sectors with very specific characteristics such as academic and scientific publishing.

    ELR: How are digital works stored? What are the strategies for digital preservation? Gino Roncaglia: When talking about preservation, at least three dimensions must be distinguished: the use of digital as a tool for the preservation of printed works through the processes of library digitization , the short-term preservation of digital content also on the user side , and long-term preservation.

    These are clearly related issues, but each one also has its own specificities, which it is certainly not possible to analyse here. However, we can say that in all three cases we need not only appropriate conservation tools for example, interoperable repositories but also adequate policies: a field in which we are still far behind. Metadatation policies since the good description of the contents is an essential phase of conservation , periodic data transfer policies to face the obsolescence of the supports and formats , redundant conservation policies since the possibility of easily creating redundancy is, however, the main advantage of digital in terms of conservation.

    What do you think are the fundamental aesthetic criteria for the layout of an e-book in EPUB format? Gino Roncaglia: The main difference is well known: ePub is a format based on a fluid layout, while printing is based on a fixed layout. We must therefore improve digital typography, for example by integrating other forms of visual reference into the text to replace those offered by fixed layouts. What tools should be used digitally to achieve the same results?

    It should also be borne in mind that e-books are not and should not be necessarily digital replicas of a printed book: they have additional potential in terms of interactivity, integration of different communication codes, use of animations and data visualization tools… that we still have to learn to exploit and manage from a graphic and typographical point of view. ELR: In a recent article of yours, you addressed the themes of the promotion of digital literature and the digital promotion of reading by making a reference to Augmented Reality technology.

    How do you think e-book technology will develop and how will the way of spreading knowledge change? Augmented reading is what each of us already does when it accompanies the reading of a book no matter if on paper or in digital with surfing the web, for example to search for an image or a map of the places the book talks about, more information about an author or a historical character, comments and reviews from other readers.

    Augmented Reality, on the other hand, is a specific technology, certainly very interesting and of great future but less directly connected to reading, even though it is well possible that applications and tools of Augmented Reality can also be useful. For example, through the use of QR codes, which already today can function as a form of direct reference to network resources.

    QR codes can thus be printed within a traditional book to include online content, or added by the reader to the book through adhesive or post-it labels. As for future developments of e-books, it is difficult to make predictions. If you want to add interactive elements and do something more original, it is important to know about Javascript. And to master Javascript you need to know what a programming language is. This is very useful to understand a little better the fundamentals of the digital world.

    He tells us how the project started in developed and how the digital publishing sector evolved. In a rather sober style, Albert also explains the advantages of the technologies applied by PubCoder and what could be the future developments of the sector. Can you tell us when your interest in digital publishing began and how the group of PubCoder founders was formed?

    Paolo Albert: With Paolo Giovine we are old friends, in our experience as a father and the advent of the first iPad inspired us in the same way: we immediately saw enormous potential in the field of interactive books for children. At the beginning we thought of developing ad hoc products directly, then we began to think about a tool that would reduce costs and be easy to use; even without writing code.

    The idea was to give those who were not programmers the opportunity to develop an interactive project in all its phases: from the draft to the publication. We looked for a developer and came across Angelo Scicolone with whom we worked on the first version of the software.

    In our start up is officially born. What are the formats and literary genres that have so far been created with PubCoder? Paolo Albert: PubCoder was mainly created to create e-books for children, but the same features are useful for any content with complex interactivity, for example: graphic novels, school books with the possibility to implement any exercises, books designed specifically for dyslexic readers whose usability is fully customizable, catalogues with interactions for a user experience far better than static pdfs and animated products for digital storytelling of brands.

    On this page you will find a list of the products that have been made with PubCoder. What are the advantages of a Shelf and what was the need to create a new online platform rather than using the existing ones? Paolo Albert: PubCoder users almost always need to publish the same content on different platforms, this means knowing all the formats and the many rules of the stores.

    So, we wondered if it would not be useful to create an environment where you can publish and distribute your content created with PubCoder. This is how Shelf was born, an app library totally customizable by the customer, from the graphic template to the navigation structure, which allows direct sales on the App Store and Google Play Store. ELR: PubCoder also offers training courses. How are the courses structured and to whom are they addressed?

    Paolo Albert: We have been organizing training courses for a long time, today with an increasingly large and international audience we address directly to schools where graphics and design are taught and to partners who have added PubCoder to their tools.

    What is the reason for this choice and what are the advantages and disadvantages of this format? Paolo Albert: The fixed format allows the creative to have control of the content pixel by pixel. For example, a ball bouncing from point A to point B will have to have specific coordinates every time the proportions of the project change. ELR: In your article published on medium.

    Taking your cue from this intuition, how do you think digital publishing technology will develop? Paolo Albert: If we think that the hype of the moment are audiobooks, there are very promising developments related to the application of new AI tools to this type of product, I think for example of Amazon Alexa and Amazon Echo. The challenge for publishers, once again, is to be able to seize opportunities without necessarily experiencing them as a threat.

    How have the market and the way of selling and distributing electronic books developed in the 20 years from ? Paolo Albert: Amazon was the first engine of e-book development.

    The downside is that the Seattle-based company sees the book as purely commercial. On the other hand, this pure commercial interest is also the cross of the e-book, in the sense that there is little propensity to innovate the format, if it is not supported or justified by purely commercial reasons. Amazon, still today, is the undisputed master of the market, and any discussion of growth and future can only pass through their clutches.

    However, the new format has struggled to spread. Paolo Albert: PubCoder is an authoring software and allows you to export a file that is totally in the hands of its author.

    So, no doubt: go to the W3C website without wasting any more time! Thanks to her long working experience, which began in the early nineties, various projects for various Italian companies and her work as a teacher, we are able to obtain a broader vision of the digital publishing sector.

    Can you tell us how your passion for digital publishing came about? Michela Di Stefano: I started training in as a computer technician in a company that sold the first Apple computers to typography and advertising agencies.

    I saw the first models of Mac computers and the first versions of the software still in black and white! Then I had other professional experiences: web designer, large format printing and gadgets, until I decided to set up my own business in with the recognition by Adobe of the title of Adobe Guru.

    The discovery of digital publishing came in when the print market began to be truly inflated and a market in which it was increasingly difficult to make the quality of service prevail over the lowest price.

    When I bought my first iPad, I was presented with a real mirage: an absolutely new, stimulating and unexplored market in which we could express our expertise, our values and in which it was not possible to improvise as it requires real technical preparation to be able to distribute on the stores and to be able to stay up to date on the continuous changes and updates in this sector.

    I can say that we fell in love with this market and even today we still get great satisfaction from the projects we realize, many more than those we collect for the realization of traditional publishing projects. ELR: You work in companies, communication agencies, typographies and training institutes. How is digital publishing technology used in these areas?

    Daniele Salvalai, Gabriella Benedini. I tempi del cielo The times of the sky. These students found work thanks to their ability to create interactive e-books and it was a very important goal. During the Graphic Design course, I taught how to make interactive e-books to present a project to a customer, I myself use interactive ePubs to make important meetings and present projects to my customers. In both cases the students created a magazine in paper format and then in digital format.

    You can see some examples on this page. In companies there is still very little knowledge of this market, everyone knows the word App, but the ideas on the implementation and real usefulness of this tool is very low. As for e-books, the situation is even worse, not even advertising agencies and creatives are aware of the potential and characteristics of this product.

    We have already created 3 monographs for the Martino Dolci Foundation of Brescia, which has understood how the creation of e-books with the monographs of painters from Brescia, can bring young people closer to the world of art and can introduce them to these artists, something that the paper monographs made up to 3 years ago, could not have done.

    Michela Di Stefano: The interest aroused by these very short meetings and outside the traditional time slots was very high. Then some last-minute absentees allowed everyone to sit down and always have the room with a high participation. We can be very satisfied because the hours from 8. Given the interest and success, we decided to propose them again for Obviously, these are very different meetings, in fact the annual event of Digital Publishing Explorers is already scheduled for and will take place in Brescia.

    Like every edition, the day will be full of meetings and information, a completely different cut from BreakfastPro, created to offer essential tools to professionals who want to keep up to date and up to date with technology to offer and find new business strategies.

    ELR: How are your training courses structured? What are the basic notions that participants need to have? Only in this way is it possible to create a tailor-made training course for those who request it.

    Whether you are a freelance professional or a corporate team, before training you need to know the level of participants, what are the objectives to be achieved and how much time is available to do so. On the basis of these elements we formulate an ad hoc program each time. On the website there are lists of the functions of each package, but the course is much more, we also release links to tutorials, video tutorials and other important material that you can not deepen during the live lesson.

    ELR: Do you think there is an awareness and a strong will, in your working environment, for the development of new technologies that will facilitate the transition from print to digital publishing?

    Michela Di Stefano: Unfortunately, the use and usefulness of new technologies that allow you to migrate or simply distribute traditional printing projects in digital format are still unknown and seen with distrust. In Italy the word e-book is used to indicate a PDF and an App to indicate a game or something very complex when it is not so. Since we have been working to make this market known to the world of creatives and all those working in the communication sector, today in we begin to see the first results of what we have sown, but the road still very long ….

    Tim Berners published on August 6, the first website in the world, at CERN, but years passed before this technology took off in Italy, even today there are companies that do not have a website and consider it useless for their business!!!

    Worse still there are companies that have an inefficient one and not suitable to be displayed on new mobile devices. Both the interactive ePub format and the editorial applications can be used to distribute editorial information quickly and cheaply, but are seen as too complex and expensive investments due to the lack of culture on the subject. Some companies have gone ahead without the guidance of professional structures like ours in these markets and have achieved great frustration and very little results due to a lack of knowledge of the tools and rules that underlie the digital publishing market.

    This market is certainly effective, but in continuous evolution. It is a market managed by precise rules that the distribution Stores dictate to all those who wish to distribute on these channels. To return to the initial question, even a PDF born in with the Camelot project of Adobe can be considered an example of digital publishing, but it is not an e-book.

    When we talk about e-books we are talking about. In the light of the above, I can safely say that the history of digital publishing is still being written. ELR: How has the digital publishing market developed in the last 20 years in Italy? Which European country is at the forefront in this sector?

    Michela Di Stefano: In part I answered this question in my previous answers because in Italy the digital publishing market is very unripe and largely unknown.

    The term Publishing already indicates more broadly the process of producing and distributing literature, music or information and the activity of making this information available to the public on various media. As you can imagine, Digital Publishing allows you to broaden this concept and embrace a number of very diverse sectors that are:. All together they allow us to distribute content on new digital devices, so the concept of digital publishing is much broader than we usually think.

    ELR: From the point of view of the aesthetics of the medium, what are the differences between the way of conceiving the layout of an e-book and the way of printing? Michela Di Stefano: If we talk about a fixed layout e-book, the layout can be very similar to that of the paper format, however, we must remember that these contents must be usable on screens of different sizes and therefore it is important to study the layout of the page in order to be readable on the largest number of devices.

    Michela Di Stefano: A part of the answer has already been given in the previous one, I would add that the criteria of legibility prevail over the criteria of aesthetics. ELR: How important is it to know the programming languages to work in the digital publishing sector? Michela Di Stefano: Having knowledge of html programming allows you to go deeper into the creation of an ePub and allows you to get around some obstacles. My advice is to know this programming language to be able to use it in case of need.

    In this interview Antonio Tombolini, founder of the StreetLib publishing house, tells us how his passion for books and reading gave rise to an interest in digital publishing. A world to discover, as his words reveal. How did your interest in digital publishing begin? Antonio Tombolini: Simply from my passion for books and reading, which led me at the time to ask myself if the book should not have to deal, sooner or later, with the transition to digital that music was already facing.

    How are the workshops structured? What are the prerogatives to participate in your training courses? We are convinced that the transition to digital and to the web also involves the book industry in an adjustment of skills and we intend to offer the best tools to acquire them. ELR: Do you think there is an awareness and a strong will in the publishing sector for the development of new technologies that will facilitate the transition from print to digital publishing?

    Antonio Tombolini: No, or at least not adequately in the current protagonists of publishing. Yes, on the other hand, and increasingly, among authors, especially the youngest, and readers. ELR: How did you personally experience the transition from print to digital from to the present day?

    Antonio Tombolini: It was and still is a path of progressive discoveries, which will still be long, because we are still at the first steps of an evolution of which we have only seen a small part. What I have learned in the meantime is that in these phases of radical changes in the paradigms of an entire sector, the less judicious and the less suitable to identify and cultivate the new are precisely those who in theory would be in the position of greatest advantage, or those who already work in the sector.

    And the bigger they are, the worse they are. Antonio Tombolini: It is always difficult, and after all not even too useful, to chase the primacy of this or that in the advent of a phenomenon. The book has actually been written and produced digitally for many years, for decades, I would say since the advent of the ancestors of computers, at the end of the 70s of the last century, when not yet computers began to circulate, but the electronic writing machines, of which Olivetti was a forerunner: since then the book is written mainly in digital, elaborated, formatted, corrected, etc..

    The turning point in my opinion lies in the advent of the first reading devices with e-ink screen, which we started to sell, first in the world, and not only in Europe, just at the end of it is only with these screens that reading electronically a book becomes an experience finally comparable to the comfort of the reading experience on paper. What are the most popular formats and literary genres?

    How has the market for different formats developed? ELR: On the websites Simplicissimus. Where does the need to create digital platforms arise? What are the advantages over existing online services?

    Antonio Tombolini: Platforms like ours allow even small publishers and self-publishers to reach with their book all the shelves of all e-book stores in the world, from the largest and most global to the smallest and most local. And all with one click, without having to negotiate with a growing number of stores, and without having to manage separately each of them, also from the administrative and accounting point of view, which as you can imagine is particularly complex. On the other hand, we allow the biggest and most global players, such as Amazon, Apple, Google, Kobo, to offer for sale titles we currently distribute almost , titles, and we buy about new titles per week from small publishers and self-publishers that they would never be able to reach and manage.

    ELR: From an aesthetic point of view of the medium, how does the way of conceiving the layout of an e-book enriched with interactive and multimedia effects change compared to a paper book? Antonio Tombolini: This is actually a very delicate field and on which there is much to experiment. We ourselves offer a free online application, StreetLib Write through which you can write your own book or import your existing book in Word format and the like, to automatically get an EPUB, Kindle and PDF format validated and ready for distribution.

    Fabrizio Venerandi is co-founder of the digital publishing house Quintadicopertina in Genoa. In this interview that starts the ELRPUB series dedicated to digital publishing, Venerandi talks to us about the production, the market and the history of digital publishing, offering us some reflections on themes such as reading, aesthetics and archiving digital works in EPUB format.

    The idea behind this text of electronic literature is that code programming gives rise to new rhetorical tools that flank the traditional ones such as rhyme, hendiadys, similarity, alliteration, etc. What interested me most of all was to show how these new rhetorical tools were not just wunderkammers made to amaze the reader, but that they had a very specific expressive purpose.

    In this case the sylloge collects a series of poems written in a very negative period of my life. But that I still had to write to extract them and throw them out of me, because they were intoxicating me.

    The code was a natural way for me to do something new: I could write these things without having to read them and without having them read in the nakedness of their verse. The verses in fact, in the e-book, change, they modify over time, they hide in the hours of light, they move around the screen, they are generated only if solicited, they erase and avoid showing themselves in their entirety.

    The code is functional to my expressive need. The second important thing for me was to produce this e-book as a commercial object. A market publishing product, offered for sale on the major digital distribution channels, with its own ISBN and its own price.

    I wanted to show how electronic literature is a natural way of reading a text, traceable within a general store, and distributed to as many readers as possible. To eliminate the idea that electronic literature means only and exclusively online experimentation, perhaps born and intended for a small circle of academics. Fabrizio Venerandi: It depends on the awareness of who created the text and who is reading it. Ninety-nine percent of e-book texts on the market are not digital books, but digitized books.

    They offer nothing different than the traditional sequential reading of a paper book. Different is the case when the text is thought, programmed, designed to be read in digital format. But even more in EPUB3 where the text can exploit real code. ELR: Do you think there is an awareness and a strong will, in your working environment, for the development of new technologies that will facilitate the transition from print publishing to digital publishing?

    Fabrizio Venerandi: No. There is a handbrake inserted by different subjects, both national and transnational. These are not technical limits, but purely economic and market limits. These and other factors are all interlinked and have in fact slowed down what — naively — I thought in would be the natural progress of digital reading.

    We will see what happens with DPUB. ELR: In addition to writing and publishing e-books you also teach digital publishing. Who are the courses addressed to and how are they structured? Fabrizio Venerandi: Our courses are listed on the site E-book Design School They are aimed at anyone dealing with writing and digital publishing: publishers, professionals, writers, teachers.

    The courses are structured in thematic modules: market, promotion, digital editing. The part of designing and building e-books is carried out in two workshops that start from the basics of marking to arrive at a complete e-book.

    Fabrizio Venerandi: I would move the hour hands back about twenty years. I note a certain reluctance in academic criticism to consider these works as electronic literature because they were at least initially games, they were not editorial works in the strict sense, in the sense that they in no way resemble a book and were in their early years literally very meagre.

    ELR: For the preservation of digital works there are various strategies such as migration, duplication, emulation or use of metadata. Which of these strategies can be or are used for e-books? Closed formats are a risk for the preservation and especially for the continued fruition of their contents. In the moment in which I write the most solid technologies are those of W3C. Yet the format that is mainly used still seems to be the pdf.

    How did the market for static electronic books in pdf format and the market for electronic books enriched with multimedia and interactive features in EPUB format develop? Fabrizio Venerandi: The pdf is not a format that was created to make e-books, but to make transportable a layout aimed at printing. Over the years it has developed, it has absorbed numerous accessibility functions, but I still think that liquid formats, tied by double thread with online reading tools, have greater possibilities of development in the medium to long term.

    Already today, reading fiction with small screens works considerably better in ePub or KF8 than in pdf. With regard to the ePub with interactive features, as I said above, have so far had a marginal development.

    The customs clearance of the native digital literary product has not yet been there. Fabrizio Venerandi: To date we have always used the reflowable format.

    There may be projects and tablet-oriented series, in which even the fixed layout could make sense. ELR: What do you think are the most important aesthetic factors for the layout of an e-book? In the most sophisticated texts, we can have content that changes adapting to the choices of the reader, so things that may or may not appear within the page itself.

    Certain elements that we cannot use today, such as footnotes, need to be completely rethought. It is a type of designing that is different from both that of the web page and that of the book, even though it has elements that are common to both.

    Titolo originale: The Code is not the Text unless it is the Text.

    Bisogna ammettere che i nuovi media sono invecchiati. Ha acquisito una storia o almeno un vero e proprio impegno con il principio della realtà, ora che la rete è accettata come un dato materiale e culturale del mondo sviluppato, ora che i dot.

    Il Manuale Italiano di Cinelerra CV

    Tuttavia, la pratica artistica nei media digitali è ancora spesso animata da entusiasmi giovanili, evasivi e utopici.

    Altre arti, più tradizionalmente delineate — letteratura, musica, fotografia, belle arti, architettura, grafica, ecc. Un modo di affrontare il problema è la fuga. Scrivo come artista letterario, la mia posizione di soggetto sempre provvisoria e tradizionalmente delineata in questo contesto: il poeta. Perché molte delle attuali istanziazioni di codework, insieme ad alcuni degli scritti teorici che sottendono questa pratica, richiedono una critica in questo momento?

    Qual è la posta in gioco? Ci sarà molto di più da scrivere, in altre occasioni e altri luoghi, che è meno critico e più generativo, proprio a causa della posta in gioco. In utopia, perché non sei da nessuna parte ti trovi ovunque allo stesso tempo. Dovremmo forse rimanere scettici non solo per quanto riguarda il non luogo stesso, ma anche i suoi valori.

    Sono davvero valori? In molti codework correnti il linguaggio è presentato come il codice e il codice è presentato come linguaggio. La mutua trasparenza e traducibilità del codice e del linguaggio diventano un valore utopico, e quando viene rifuso come il postmoderno banale virtuale-viscerale postmoderno — come la mutua contaminazione del linguaggio tramite il codice e del codice tramite il linguaggio — diventa un valore utopico sovversivo cioè potenzialmente progressivo.

    Fondamentalmente, la mia argomentazione in quanto segue è che in molti codici esistenti, questo è quanto possiamo ottenere. Allora, cosa resta al di fuori di questa utopia? Un apprezzamento specializzato per il codice non esclude in alcun modo la contaminazione reciproca del codice e del linguaggio naturale nei testi che leggiamo sullo schermo, ma riconosce semplicemente che — al loro posto, dove funzionano — il codice e il linguaggio richiedono strategie di lettura distinte.

    Per concludere queste osservazioni introduttive, ecco un elenco suggestivo e non esaustivo di cose che credo siano in gioco, un elenco di approcci al lavoro che rischiano di essere ignorati o declassati se continuiamo a concentrarci sul codework come trasparenza del linguaggio del codice:.

    Una domanda che comincio ad affrontare è la materialità del linguaggio e come questo possa evolvere nella scrittura per i media programmabili. Interrogo la posizione di N. Quando si arriva a leggere il codice come testo, nella maggior parte dei casi viene presentato come, nel migliore dei casi, una catena di significanti galleggianti risolti, con gli elementi di codice che forniscono semplicemente uno strato di complessità associativa o di slittamento.

    La questione della materialità del significante, in particolare, è una questione grande, che credo Hayles stia riproponendo e che spero di riprendere in un seguito a quello che finalmente, ora segue. Alcuni termini di questo saggio possono richiedere spiegazioni. Gregory L. Roger F. Qual è la sua struttura?

    Nella sofisticata versione di N. An earlier version of this essay is also published as: N. Timothy Druckrey New York: Aperture, Sia la materialità che il contenuto rappresentato della pratica e della produzione culturale sono stati influenzati.

    La caratterizzazione della Hayles di un significante mediato moltiplicato che sfarfalla di livello in livello in strutture codificate a catena è, come affermazione metacritica, altamente suggestiva e utile. Tuttavia, quando si tratta di pratica artistica e la critica di questa pratica, in che modo tale intuizione viene rappresentata? Nemmeno la prospettiva narrativa autore onnisciente in terza persona è spostato o sperimentalmente inflitto in uno qualsiasi dei classici cyberpunk di Gibson.

    La scrittura è nitida e inventiva ma interamente soggetta a parafrasi. Ci sono altre significative ironie qui, perché Hayles inizia il suo saggio parlando di dattilografia. Torneremo alla pratica, ma prima vorrei esaminare il significato tremolante della Hayles nella misura in cui si relaziona con la nozione di codice-come-testo.

    Hanno sia significato che conseguenza. Sia Cramer che Hayles riconoscono una gerarchia multilivello di codici senza elaborarli o distinguerli nel corso delle loro discussioni. Manovich, The Language of New Media Cramer, Digital Code and Literary Text. Dobbiamo fermarci a riflettere su cosa significhi questo potere. Gli scrittori, naturalmente, diventano anche più sofisticati nella loro comprensione dei sistemi programmatologici. Jerome Rothenberg and Pierre Joris, eds.

    Gli scrittori e gli artisti dei nuovi media hanno necessariamente relazioni politiche ed estetiche più ambigue con le strutture di controllo dei media che veicolano le loro opere.

    Perloff invoca formazioni e opere di singoli individui, a cui si riferiscono anche i critici della scrittura su supporti di rete e programmabili. Tale discussione esula dallo scopo di questo saggio. Fluxus fornisce anche un legame storico e critico con le tradizioni della poetica visiva e concreta, che sono discusse nel racconto di Perloff, in particolare nelle opere di Steve McCaffery e Johanna Drucker. Come tale, sembra esistere altrove, non sulla pagina ma attraverso la finestra dello schermo nel regno informatico.

    Indubbiamente, ci sono distinzioni chiare e storiche dei mezzi di trasmissione del testo. Questo potenziale di produzione testuale e linguistica non è necessariamente sfruttato semplicemente perché vengono impiegati i nuovi mezzi di distribuzione.

    Richard Miller Oxford: Blackwell Publishers, Il saggio di Barthes, dopo tutto, non era una richiesta di nuovi media ma un ri richiamo a modi nuovi o latenti di leggere e scrivere. Lasciando Jodi da un lato per il momento, sono tutti artisti che lavorano sia con il codice che con oggetti programmatici codificati. Il risultato è un linguaggio che — a seconda della vostra prospettiva — sembra animato o contaminato dal codice.

    Per il momento, tuttavia, ci occupiamo maggiormente di alcune caratteristiche formali e materiali della lingua risultante. Il linguaggio certamente rivela il codice e gli elementi di codice, ma che codice rivela?

    Che cosa dice a un lettore di codice-naïve delle caratteristiche e della potenza del codice?

    Posts navigation

    È davvero ancora in codice? A che livello si colloca nelle gerarchie concatenate di significati tremolanti? La scomposizione delle sue operazioni elimina un aspetto del suo valore estetico e fascino proposto, la sua efficacia performativa nativa che Cramer ha identificato come un ultimo usa e getta throwaway senza realmente dimostrare o elaborare : il potere del codice per cambiare il comportamento di un sistema.

    Questo è citato dalla versione del documento pubblicato in formato PDF prima della conferenza. Si prega di notare: Hayles potrebbe anche averlo rivisto da allora. Ex][E][Ts [citato febbraio ]. Il punto è che, nel caso di un pidgin, gli elementi che si combinano per generare un nuovo linguaggio sono proporzionati — il materiale linguistico non è semplicemente iniettato da un sotto-sistema simbolico gerarchicamente e funzionalmente distinto o programmatologicamente-operativo che è incluso in un sistema di uso del linguaggio umano che porta cultura in un altro.

    La creazione di un pidgin è, inoltre, il risultato di interazioni da parte di entità commisurate, cioè gli esseri umani.

    Frank Gambale e i siti di streaming

    I codeworks attualmente a nostra disposizione estendono, infettano e migliorano il linguaggio naturale, ma non creano, ad esempio, pidgin anglo-codice. Si veda ad esempio la discussione in Charles F.

    Il codice ha cessato di funzionare come codice. Il testo risultante finge un indirizzo ambiguo: contemporaneamente al lettore umano e al processore meccanico, ma sia umano che meccanico devono leggere il codice come parte del discorso umano.

    Non tenteremmo di compilare il codice nei testi di interfaccia di Memmott, Mez o Sondheim. I riferimenti Internet associati a questa citazione porteranno al più ampio progetto di Sondheim. Più recentemente nel libro che raccoglie molti di questi documenti e saggi. Credo che in questo egli si conceda delle ironie significative.

    Come potrebbe essere più semplice? Perché non pensiamo tutti in UNIX? Glazier, Digital Poetics Questa è una prosa discorsiva di un genere, ma è infetta o contaminata sia dal codice che dalla poesia. Glazier non pensa in UNIX, né vorrebbe mai farlo. Questo lavoro relativamente recente illustra i miei punti specifici, ma dimostra anche che Glazier ha esplorato la dimensione propriamente programmatologica della scrittura su media in rete e programmabili con, ad esempio, testi cinetici e algoritmici.

    Jodi è il progetto molto noto e di lunga data di net. Jodi Jodi, [citato febbraio ]. È difficile dare una regola ferrea in termini di critiche più o meno convenzionali su un sito che non è quasi mai lo stesso nelle visite successive.

    La pratica di comporre simboli ASCII, solitamente visualizzati come font monospaziati per regolarità, al fine di generare immagini. Qui il codice vero e proprio è un testo, un testo artistico.

    Il codice lavora, ma non tutto il codice è codice di lavoro. Anche in questo caso rappresenta solo una pretesa ambiguità di indirizzo: le sue strutture primarie di significato non erano mai state concepite per una macchina o un processo meccanico.

    I termini variabili di questo codice sono stati sostituiti in modo casuale e sistematico con parole sostanziali dal testo su cui si svolge la procedura — qualsiasi nome o aggettivo è stato permesso di sostituire un nome di variabile contenente un valore; qualsiasi verbo ha sostituito un nome di procedura o di funzione. Il codice è codice di lavoro. Questo testo ha un indirizzo veramente ambiguo: a un interprete HyperTalk e ai lettori umani.

    Potrebbe e lo fa, in alcune versioni del software alterare il comportamento di un sistema, quando incluso come una routine in un generatore di testo. La sua risposta alle preoccupazioni umane è chiaramente ludica e, forse, finge più di quanto non offra in termini di significato e influenza, ma almeno possiamo dire, con poche riserve, che questo codice è il testo.

    Ma dove sta andando un tale codice, in termini, ad esempio, delle sue caratteristiche formali e retoriche, in termini della sua specifica materialità? Come un testo — lo chiamiamo provvisoriamente un testo poetico nel senso di un testo che implica qualche prova di lingua — indirizzato a lettori umani, ha dei limiti ben precisi, dei vincoli che non permettono o compromettono il suo impegno con preoccupazioni o fonti di valore culturale più ampie e tradizionali.

    Tuttavia, secondo me, suggerisce strategie retoriche nuove o recentemente evidenziate che sono specifiche per la materialità del linguaggio nei media in rete e programmabili. Il primo di questi campi retorici rappresenta un problema antico e persistente: quello della logica contro la retorica, anche se rifuso in casi specifici proliferanti di logica-come-letteratura nei nuovi media.

    Kenner esamina la scrittura di Beckett in termini di procedura logica rigorosa ed esaustiva in un saggio che include parafrasi codificate nel linguaggio di programmazione Pascal. Allo stesso modo della scrittura nei media in rete e programmabili, il linguaggio e la letteratura mutano nel tempo e come arte basata sul tempo, secondo programmi di testi codificati che sono incorporati e nascosti nelle loro strutture di significati tremolanti.

    Affinché il codice funzioni come generatore, come programmatore, come manipolatore del testo, deve essere tipicamente una parte distinta del sistema testuale globale; deve essere possibile ricompilare i codici come procedure operative, come aspetti della pratica testuale live-art.

    Il codice non è il testo. E ora, indulgi nella tua estetica del loop e riprendi il semplice, sempre implicito link ai paragrafi che hanno introdotto questa critica. Leggili come se fossero un caso di conclusione provvisoria. Aarseth, Espen. Cybertext: Perspectives on Ergodic Literature. Bernstein, Charles. Bootz, Philippe. Cambridge: MIT Press, forthcoming EJournal , [cited February ]. Electronic Book Review , [cited February ]. Cunningham, Michael. Glazier, Loss Pequeño.

    Tuscaloosa: University of Alabama Press, Electronic Poetry Center , [cited February ]. Hayles, N. Chicago: University of Chicago Press, New York: Aperture, Jodi, [cited February ].

    Kittler, Friedrich. Manovich, Lev. The Language of New Media. Edited by Roger F. Malina, Leonardo. Cambridge: MIT Press, Ex][E][Ts [Website]. Perloff, Marjorie. Rothenberg, Jerome, and Pierre Joris, eds. Berkeley: University of California Press, Ulmer, Gregory L. Baltimore: John Hopkins University Press, William Gibson [Web site]. Guardian Unlimited, [cited February ]. Available from. Titolo originale: Reveal Codes: Hypertext and Performance. Voglio che i dati si esprimano nel modo più bello possibile.

    Che la linea tra i due sia fissa, fluida o cancellata, i due lati condividono la stessa inclinazione verso standard pratici e funzionali. Quindi, la questione della differenza della testualità digitale ha teso a produrre una litania standard di risposte, sia in modalità di elegia che di encomio:. Quindi, come è cambiata esattamente la forma materiale della traccia e come si è destabilizzata nel passaggio dalla stampa al digitale? Una grande promessa utopica di molte critiche ipertestuali è che il lettore ha il compito di ordinare sullo schermo le informazioni di fronte a sé in un modo quantitativamente e qualitativamente distinto dalla pagina e in un modo che costituisce la paternità a pieno titolo.

    Tale promessa è degna di ulteriore esame non solo sulla base della sua insostenibilità, che Aarseth ha esposto nella sua tipologia di cibertesto notando che leggere e scrivere, usare e sviluppare, sono attività spazialmente, temporalmente, fisicamente, fisicamente ed epistemologicamente distinte. Ma la questione di una differenza teorica, di una differenza di tipo e non di grado, è ancora senza risposta.

    La testualità digitale, o quello che chiamo ipertesto, funziona in parte creando sé stessa come oggetto testuale discreto, riferendosi a sé stessa come sé stessa. Katherine Hayles, a seguito di un manoscritto MS inedito di J. Yellowlees Douglas, osserva allo stesso modo le proprietà retoriche e formali distintive degli ipertesti, una categoria che delinea in modo da includere i media della stampa e del computer. Il mio argomento qui è che le diverse modalità di esecuzione testuale devono necessariamente portare alla classificazione dei precursori della tipografia come precisamente questo: precursori e non ipertesto di per sé.

    La testualità digitale è in grado di raggiungere una fluidità spaziale e temporale precisamente perché è in grado di attivare e manipolare le risorse e la complessità intrappolate nel linguaggio stesso. Legare la scrittura ipertestuale al gioco della performance significa anche alludere al meccanismo del calcolo ad alte prestazioni, il collegamento di computer e reti di computer per svolgere compiti complessi. Si tratta anche di parlare di questa scrittura come di una mappa che produce il suo oggetto piuttosto che di una mappa che replica strutture pre-tracciate.

    La differenza in quanto tale tra ipertesto e testo, quindi, non è ontologicamente distinguibile e localizzabile solo in effetti. I testi prodotti dai manuali di codifica HTML — compresi quelli prodotti in altre piattaforme digitali e con altri manuali e linguaggi di codice — non sono collegati né metafisicamente né ontologicamente, ma attraverso codici di pratica incorporati, codici che ascrivono tra loro una certa relazione in base alle loro prestazioni. Né è quantificabile, il che dà una forza ancora maggiore alla mia localizzazione di essi come componenti sistemici non-localizzabili.

    Per il digitale, invece, una superficie complessa è prodotta da modelli semplici sottostanti. I significanti tremolanti segnalano un importante cambiamento nella tettonica a placche del linguaggio…. Poiché non è possibile localizzare il momento che riunisce le unità del computer per produrre qualcosa di nuovo, lo spostamento quantico che cambia la struttura e il sistema, la complessità è essa stessa non localizzabile.

    Eliminare la sua performance significa togliere la sua differenza; è come se i computer fossero ritornati alle loro unità discrete. Come per le installazioni video multischermo di Nam June Paik, Johns si muove nel regno del non totalizzabile: non è disponibile né una posizione stabile dello spettatore né un significato fisso.

    Ma quali parole, frasi, eventi, o combinazioni di parole, frasi ed eventi sono necessari perché una storia emerga o perché il sistema cambi? Questi programmi di storia macchinica, incorniciati anche come partecipativi, collaborativi e interattivi, funzionano per addizione e accrescimento.

    Una tale comprensione del linguaggio quasi liberata dal soggetto ha trovato grande favore da parte della critica ipertestuale. Testi generati ed elaborati dal computer, per Cayley, consentono un innovativo e addirittura sovversivo allontanamento dal modello standard di composizione ipertestuale del nodo-link — una fuga nella potenzialità.

    Non si tratta di significazione, ma di mappatura: non di ordinare, tracciare e fissare, ma di trasmissione, relè e movimento. Non è accidentale o casuale che uno dei concetti operativi qui presenti — il connessionismo — sia esso stesso connesso, come ha dimostrato Paul Cilliers, ad un concetto saussuriano di linguaggio, perché il connessionismo come paradigma di sistemi complessi, come il linguaggio per Saussure, funziona in modo relazionale, dalla posizione dei nodi in relazione ad altri nodi, o dei segni in relazione ad altri segni.

    In ogni caso un testo rimane un testo impercettibile. Il modo è stato un modo importante per molte opere di narrativa e di critica ipertestuale a causa della sua enfasi sulla percezione visiva, il lavoro, la costruzione del lettore e la produzione del testo. Leggere e vedere è tentare di imporre una certa performance al sistema; significa impegnarsi con il sistema in modo che funzioni e produca un risultato coerente e leggibile.

    Il cambiamento percettivo per Kac, tuttavia, è quello che si ottiene attraverso il tempo piuttosto che attraverso la dimensione. La profondità in questo caso è un trucco della percezione. Lasciano dietro di sé le tracce della loro presenza, della loro performance, registrate nei tracker storici caratteristica formale anche di Eastgate ed emblematizzate dal bagliore post-effetto dei pixel in dissolvenza.

    In un felice link, il significato è costruito in modo che il link successivo possa essere presentato o seguito, ma i link possono essere codificati sia per aprirsi che per simulare la fine del gioco di significazione. La risposta è che è analogo solo fino ad un certo punto, in quanto la pagina è stata storicamente il paradigma organizzativo del codice.

    Ma la sua caratteristica strutturale e tematica più convincente ed emblematica è rappresentata dai suoi link: Malloy utilizza immagini di tubi catodici che si riferiscono letteralmente al testo visualizzato sullo schermo. Terry Harpold commenta il tema dei percorsi di navigazione nelle sue estese discussioni sui link e le conclusioni. Fare qualcosa con il link ipertestuale sostituisce la chiusura narrativa allo spazio dilatorio del divario tra i fili.

    Disconosce la svolta narrativa, e feticizza il link. Leggere il link come una struttura puramente direzionale o associativa è, io direi, mancare — disconoscere — le divisioni tra i fili in un ipertesto. Il collegamento con i link, quindi, è complesso e allo stesso tempo una performance di complessità.

    Non esiste quindi un significato intrinseco, originale, finale, totalizzante dietro il loro ordine — il che significa che il significato viene solo una volta che sono assemblati. Il significato, infatti, è un riverbero degli effetti del collegamento. Gli schemi e il sistema diventano non solo complicati, ma complessi — quello in cui non solo ci si perde, ma anche vertiginosamente perde la percezione stabile e totalizzante.

    La condizione del collegamento è tale che non è occasionalmente rotto — è sempre rotto e nonostante le connessioni di rete ad alta velocità e quasi anti-presenza. I collegamenti, in altre parole, non sono stabili, sistemi fissi che possono emergere interamente da sé stessi. Non è mai pieno o finito. È infatti incompleto. In un sistema di questo tipo, la sistematizzazione stessa è impossibile. Karen Steigman mi ha aiutato a trovare materiale prezioso, online e in stampa. Ma in che cosa sono diverse dal discorso e dalla scrittura ordinaria?

    È ovunque e da nessuna parte, sempre e mai. In questo senso, la possibilità di leggere gli schermi di un computer è immaginata sia come non correlata e contraria al saper leggere una poesia o un romanzo. Riunire le condizioni tecniche della paternità con la questione teorica della paternità anche se Espen Aarseth avrebbe problemi con questo legame si presta a un ripensamento della figura del lettore e implica anche un rapporto dicotomico o addirittura sostitutivo tra lettore e autore.

    Montfort dà la priorità alla potenza di calcolo delle macchine di cibertesto, che egli distingue in base alla loro capacità di calcolo. Sulla complessità, si veda Paul Cilliers; Brian H. Il prossimo libro di Mark C. Sulla teoria dei sistemi, si veda What is Systems Theory? Abrams, Per una raccolta delle loro opere in lingua inglese, si veda Warren Motte, ed. Su Calvino e il combinatorio, si veda Jerry A. Nel progetto più ampio, mi occupo più a lungo del tema del computer e della poesia generata al computer.

    Non è stato solo il surrealismo, ma anche il fluxismo a mantenere un interesse per la scrittura automatica. La pittura di Jackson Pollock sarebbe un altro esempio dello scriptor a lavoro. Alan Sheridan New York: W. Norton, In un certo senso si tratta di una distinzione tra moderno vs.

    Sono grata a Richard Helgerson per aver posto una variante della domanda che ha prodotto questa linea di argomentazione: importa che il Jasper Johns sia un testo moderno non destinato allo schermo?

    Piuttosto, il concetto di an-anamorfico è nato in una conversazione con Russell Samolsky; da questo momento di collaborazione, è nato il concetto e Jasper Johns come esempio illustrativo. La planimetria si occupa della misurazione delle superfici, quindi la complessità della visione qui ha a che fare con il volume. Il postmoderno anamorfico o an-anamorfico, tuttavia, ci ricolloca nel registro o spazio del planimetrico.

    Per una discussione sul collegamento in un ambiente ipertestuale, si veda George P. Landow, Hypertext 2. Infine, è importante notare che Storyspace, Flash, piattaforme di authoring correlate, e lo stesso HTML limitano in qualche misura il comportamento del sistema ipertestuale, ma questo non significa che il sistema sia deterministico, con un comportamento standardizzato e prevedibile, o incapace di comportamento autonomo.

    Si veda la descrizione del software Storyspace nelle FAQ di alt-hypertext. Si veda anche Steven J. Baltimore: Johns Hopkins UP, Barthes, Roland. Stephen Heath.

    New York: Hill and Wang, Boisvert, Anne-Marie. Bolter, Jay David. New York: Lawrence Erlbaum, Deleuze, Gilles, and Felix Guattari. Nel ha stretto un accordo con Google. Questa accelerazione ha suscitato alcune reazioni negative. La rete ha inoltre consentito lo sviluppo di altre esperienze.

    Book in Progress ha coinvolto al settembre docenti di 70 istituti scolastici nella realizzazione di contenuti anche multimediali per licei e istituti tecnici e professionali, utilizzando iBookAuthor.

    Pirate Kiosk sportello nella foto quello di Weimar che ospita un server con una copia di Piratebay, celebre sito di peer-to-peer: basta avvicinarsi con un portatile acceso per collegarsi via wifi e scaricare materiali aggirando le normative sul copyright. Parlo dei miei libri sulle chat line, talvolta usando il mio nome, altre con nomi inventati.

    Il motto: "Benvenuto nello Storyverse". E' una delle esperienze che meglio caratterizza la rete, o meglio il web 2. In altri termini, una enciclopedia deve contenere tutte e solo le informazioni rilevanti per il suo pubblico. L'utopia di Wikipedia si regge su alcuni postulati. L'opera non ha solo alcuni collaboratori di comprovata competenza. Sotto questi aspetti, wikipedia si muove nella linea della fine dell'esperto , un atteggiamento che caratterizza molte esperienze del web 2.

    I nostri collaboratori sono esperti, talvolta ossessionati da un tema, ma soprattutto si divertono. Malgrado questa differenza di impostazione, Wikipedia ha raggiunto uno standard qualitativo notevole. La mancanza di collaboratori sarebbe dovuta al fatto che le persone che avevano contribuito a far diventare Wikipedia una fonte importante di informazioni sul web, sono invecchiate, si sono sposate, si sono hanno costruite una famiglia e impiegano il loro tempo in modo diverso.

    Quando nel venne lanciata Wikipedia, la folta schiera di "nerd" che animava il web era in fermento all'idea di costruire una nuova risorsa di notizie accessibile a tutti gratuitamente.

    Ma a ormai un decennio dalla sua nascita, l'entusiasmo sembra essersi disperso. I social network ci hanno messo lo zampino, le energie degli adolescenti appassionati di informatica che collaboravano con Wikipedia, sono state assorbite da Facebook, Twitter e company. Alla fine del , il giornalista John Seigenthaler Sr. Per esempio, queste sono le motivazioni per la cancellazione di una voce: 1. Wikipedia ha una struttura con gerarchie assai precise, di cui si trova traccia nel sito.

    I Developers sviluppatori si occupano del software che gestisce i Wiki. Io, mentre lo scrivevo, ridevo.

    Il graphic designer dislessico Christian Boer lo illustra in un video. E' un caratere senza grazie, che differenzaia lettere e numeri simili per forma bd - pq - bp - dq - un - vv w - nn m - rn m - il -ji - oc - hn - MN - OC - VV W - ao - Nato nel su iniziativa della Horizons Unlimited di Bologna, capofila il Sistema Bibliotecario Nord-Ovest Milano, nel dicembre aveva raccolto E' una figura che si sta sviluppando grazie alla diffusione del self-publishing.

    Chuck Sambuchino, autore di diversi manuali di self-publishing, nel suo blog writerunboxed. Google ha attivato meccanismi di feedback dagli utenti per correggere queste situazioni. Ma il progetto ha anche ricevuto diverse critiche. Nel anche diversi altri soggetti che non inclusi nel Google Settlement fotografi, illustratori, artisti visivi Nel il Google Settlement venne rigettato dalla Corte Suprema. Anche in Europa non sono mancate le dispute giudiziarie.

    Il fenomeno, in apparenza paradossale, accomuna gli editori ai petrolieri e ai proprietari di squadre di baseball o di calcio. E' stato identificato da tre fisici, Capen, Clapp e Campbell, che lavoravano per una compagnia petrolifera, la Atlantic Richfield, e seguivano le aste che assegnavano le concessioni governative per i giacimenti di idrocarburi nel Golfo del Messico.

    Clapp, e W. Nel si arriva a I responsabili del progetto prevedono di superare quota Qui di seguito a uso dei giovani che si avventurano nella giungla del mercato editoriale internazionale, alcuni esempi di inglese da fiera Bookfair English. I sold it in Slovenia, Slovacchia, Turkmenistan and Corea.

    Messi, Lionel "Io, Messi l'antidivo. Mai letto un libro" titolo del "Corriere della Sera", 19 novembre DNA letterario Gennadij Muryghin, pronipote di Lev Tolstoj e pittore specializzato in nudi femminili, sostiene di guadagnarsi da vivere vendendo il proprio seme a coppie, sterili o meno, desiderose di imparentarsi con il grande scrittore: "La mia trisavola fu una delle tante contadine che Tolstoj mise incinta.

    Non se ne perdeva una. Ha diversi predecessori: alcuni sono intuizioni di scrittori di fantascienza come Robert Heinlein, che in I cadetti dello spazio immagina che i libri siano sostituiti da lavagne luminose.

    Altri sono rimasti allo stadio di progetti e prototipi. Per esempio fin dal Alan Kay, allora studente della Utah University ha immaginato un personal computer portatile e interattivo, con uno schermo piatto e una connessione wireless: lo ha battezzato Dynabook e ha successivamente sviluppato il progetto allo Xerox Palo Alto Research Center.

    E' un correttore ortografico per la lingua inglese con circa Nel la Franklin mette in commercio una versione elettronica ricercabile della Bibbia. A partire dal , la Franklin inizia a commercializzare la linea Bookman, con un database contenente diversi volumi altri testi potevano essere caricati grazie a una memoria aggiuntiva esterna. La stessa Franklin e altre aziende producono a partire dagli anni Novanta traduttori bilingui e multilingua.

    Un esemplare di Data Discman serie A DDEX viene esposto nella mostra The book and beyond: electronic publishing and the art of the book al Victoria and Albert Museum di Londra nel , accanto a un CD-ROM progettato per essere letto dal dispositivo, The library of the future , una collezione con decine e decine di testi in formato digitale. Per il lancio, Stephen King rende disponibile, solo sul Kindle Store, la prima versione del suo romanzo Ur.

    Bibbia Il vescovo di Rochester Kent ha consigliato ai fedeli di utilizzare i passi della Bibbia alfabetici, numerici, maiuscoli e minuscoli per generare password da utilizzare su computer e altri device. Anche Monsignor Ravasi invia quotidianamente dal un versetto delle scritture via Twitter dal suo account.

    L'artista Johanna Bresnick ha inserito un versetto della Bibbia in ciascuna delle pillole che costituscono la sua opera Mouth to Mouth NewNovelist software per aspiranti scrittori ideato da Lucinda Hawskley, scrittrice e pronipote di Charles Dickens. E' disponibile anche un database di nomi di personaggi. Farmalibreria furgone che Fabio Guidi, ex venditore di bibite all'ingrosso e ora libraio "on the road", porta nei mercati di Firenze e dintorni e consegna su richiesta a domicilio.

    Il sito statunitense booktour. Nell'ottobre il sito ha chiuso: il minor numero di presentazioni e la riduzione del budget per la Promozione delle case editrici hanno reso impossibile sostenere economicamente il sito. E non va trascurata la riduzione dei costi di trasporto". Il suo motto: "Sono l'uomo-libro, leggetemi a gradi". YourSocialBook progetto che aveva l'obiettivo di consentire agli utenti dei social network di trasformare i loro post in un volume cartaceo.

    Previste varie ipotesi: da un volume con i post rilevanti degli ultimi sei mesi libro di una cinquantina di pagine a uno con i post degli ultimi due anni intorno alle pagine , con costi da un minimo di 18 euro a un massimo di Annunciato nel marzo , il progetto non risulta diventato operativo.

    Non leggo libri, cose Non li raggiungo mai, hai capito? Book Xylophone video. Van Veltzer, Santa Cruz, California lett. Al suo QiVinci i concertisti hanno continuato a preferire il "fai da te" manuale, e tuttavia la tecnologia - opportunamente adattata - ha trovato ampia applicazione nella scansione dei libri: i QiScan riescono a scansire fino a pagine l'ora con una risoluzione di dpi.

    Bastet Ibda'a lett. All'inizio del l'iniziativa coinvolgeva circa tassisti nelle aree di Ramallah, Nablus, Hebron e Jenin. Bob Stein, dell'Institute for the Future of the Book, ha abbozzato una tassonomia del social reading, offline e online, identificando quattro tipologie: 1.

    Rientrano in questa categoria anche siti di bookmarking online come Reddit, Digg, o Delicious. Alcuni e-book readers hanno iniziato a implementare funzioni che socializzano l'esperienza della lettura, permettendo di condividere brani scelti e annotazioni; 3. Strumenti come questi possono utilmente supportare la didattica e la ricerca. Book Genome lett. Lanciato nel dalla Idaho University, ha coinvolto altri prestigiosi atenei.

    Sono stati identificati tre componenti fondamentali: language linguaggio , characters o actors personaggi e theme o story tema o trama, intreccio : "Per sopravvivere sul mercato, un libro deve piacere al lettore, che deve appassionarsi a quel che succede nel libro il tema , deve interessarsi al destino di quelli che vi compaiono personaggi o attori , e questi due aspetti devono tradursi in un gradevole stile di scrittura linguaggio.

    I ricercatori del Genome Project usano i computer per estrarre e quantificare, scena dopo scena, informazioni utili su questi elementi chiave. E' stata dunque creata una 'struttura genetica' per ciascuno di questi elementi. L'esame di ciascun libro produce Il sito BookLamp. Intorno al libro. Ma curiosamente, proprio in questo momento, l'oggetto libro si ritrova al centro di riflessioni, invenzioni e reinvenzioni, detournements , perversioni, abusi, esperimenti The Enlightenment di Hans Meiboom per Studiomeiboom Tra arte e design al Museo Poldi Pezzoli di Milano fino al 6 maggio.

    Visto l'assunto della mostra, Finessi ha accolto alcuni interventi di artisti che usano il libro come materiale per il loro intervento creativo. Stefano Arienti, Enciclopedia Per un artista, i libri sono l'ordine o il caos: o meglio, l'ordine caotico e insieme il caos ordinato delle enciclopedie di Arienti Alicia Martin, Meteorito V , : l'irruzione del caos Leggio pieghevole , Bottega Ghianda Sonja Marzoner, Bookmark Eric Janssen Design, Quote Unquote Nils Holger Moorman, Bookinist Next Big Book t.

    Roosevelt e John Kennedy; Jimmy Carter e sua moglie Rosalynn seguirono un corso di lettura veloce alla Casa Bianca, con alcuni membri dello staff presidenziale. Si svolgono annualmente campionati di lettura veloce World Championship Speed Reading. The Art of Google Books t.

    Oyster t. In Europa si sono visti gliesperimenti di 24Symbol in Spagna e di Mofibo in Danimarca, mentre anche la tedesca Kobo sta attrezzandosi per offrire un servizio analogo.


    Nuovi post