Chrisadamo

Chrisadamo

CANZONI COMUNISTE DA SCARICA

Posted on Author Tekinos Posted in Software


    Invitiamo tutti i lettori a contattarci se hanno altre canzoni da inserire ed Nota: per scaricare gli audio cliccare con il tasto destro del mouse sul brano che. E lu menestre colombe e venute da rome Fausto Amodei La canzone della classe dirigente Canzoniere Internazionale Canzone per Giuseppe Pinelli. Canzoni rivoluzionarie da scaricare. chrisadamo.com Molti dei dischi qui citati li ho a casa Addio_Lugano_bella. Scarica PDF testo. Una mattina E se muoio da partigiano o bella ciao bella ciao bella ciao ciao ciao e se muoio da partigiano tu mi devi seppellir. Seppellire .

    Nome: canzoni comuniste da
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 18.31 Megabytes

    Versione 3. I 50 più scaricati Fred De Palma - Una volta ancora feat. Mahmood - Barrio Scarica Mp3. Elodie, Marracash - Margarita Scarica Mp3. Twerk Scarica Mp3.

    Guarda giù dalla pianura. Avanti popolo Poiché non vogliam sfruttati. Ricordo di Togliatti. Avanti o popolo alla riscossa Bandiera rossa, bandiera rossa Avanti o popolo alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Bandiera rossa la trionferà Bandiera rossa la trionferà Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Dai campi al mare, alla miniera, All' officina, chi soffre e spera, Sia pronto, è l'ora della riscossa.

    Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Non più nemici, non più frontiere, Lungo i confini rosse bandiere. O comunisti alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Do Avanti o popolo alla riscossa Sol7 Do Bandiera rossa, bandiera rossa Do Avanti o popolo alla riscossa Sol7 Do Sol7Do Bandiera rossa trionferà Do Sol7 Bandiera rossa la trionferà Do Bandiera rossa la trionferà Fa Bandiera rossa la trionferà Do Sol7 Do Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Do Avanti o popolo alla riscossa Sol 7 Do Bandiera rossa, bandiera rossa Do Avanti o popolo alla riscossa Sol 7 Do Sol 7Do Bandiera rossa trionferà Do Sol 7 Bandiera rossa la trionferà Do Bandiera rossa la trionferà Fa Bandiera rossa la trionferà Do Sol 7Do Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Re Avanti o popolo alla riscossa La7 Re Bandiera rossa, bandiera rossa Re Avanti o popolo alla riscossa La7 Re La7 Re Bandiera rossa trionferà Re La7 Bandiera rossa la trionferà Re Bandiera rossa la trionferà Sol Bandiera rossa la trionferà Re La7 Re Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Re Avanti o popolo alla riscossa Sib7 Re Bandiera rossa, bandiera rossa Re Avanti o popolo alla riscossa Sib7 Re Sib7Re Bandiera rossa trionferà Re Sib7 Bandiera rossa la trionferà Re Bandiera rossa la trionferà Sol Bandiera rossa la trionferà Re Sib7 Re Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Mi Avanti o popolo alla riscossa Si7 Mi Bandiera rossa, bandiera rossa Mi Avanti o popolo alla riscossa Si7 Mi Si7 Mi Bandiera rossa trionferà Mi Si7 Bandiera rossa la trionferà Mi Bandiera rossa la trionferà La Bandiera rossa la trionferà Mi Si7 Mi Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Fa Avanti o popolo alla riscossa Do7 Fa Bandiera rossa, bandiera rossa Fa Avanti o popolo alla riscossa Do7 Fa Do7 Fa Bandiera rossa trionferà Fa Do7 Bandiera rossa la trionferà Fa Bandiera rossa la trionferà Sib Bandiera rossa la trionferà Fa Do7 Fa Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Fa Avanti o popolo alla riscossa Do 7 Fa Bandiera rossa, bandiera rossa Fa Avanti o popolo alla riscossa Do 7 Fa Do 7Fa Bandiera rossa trionferà Fa Do 7 Bandiera rossa la trionferà Fa Bandiera rossa la trionferà Si Bandiera rossa la trionferà Fa Do 7 Fa Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Sol Avanti o popolo alla riscossa Re7 Sol Bandiera rossa, bandiera rossa Sol Avanti o popolo alla riscossa Re7 Sol Re7 Sol Bandiera rossa trionferà Sol Re7 Bandiera rossa la trionferà Sol Bandiera rossa la trionferà Do Bandiera rossa la trionferà Sol Re7 Sol Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Sol Avanti o popolo alla riscossa Re 7 Sol Bandiera rossa, bandiera rossa Sol Avanti o popolo alla riscossa Re 7 Sol Re 7Sol Bandiera rossa trionferà Sol Re 7 Bandiera rossa la trionferà Sol Bandiera rossa la trionferà Do Bandiera rossa la trionferà Sol Re 7 Sol Evviva il comunismo e la libertà Avanti popolo tuona il cannone rivoluzione rivoluzione avanti popolo tuona il cannone rivoluzione vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Rivoluzione noi vogliamo far Evviva il comunismo e la libertà Degli sfruttati, l'immensa schiera La pura innalzi rossa bandiera, O proletari, alla riscossa Bandiera rossa trionferà Bandiera rossa la trionferà Anche a costo di spaccarsi la fronte.

    Impariamo ad aiutarci da noi… non nel senso di diventare autarchici o autoreferenziali, ma nel senso di fare a meno delle vecchie sovrastrutture burocratiche e di apparato. Non solo.

    Anche questo uso delle parole secondo me viene sottovalutato e invece è indicativo della natura di questo tipo di partiti. Ciao a tutti! Leggendo i vostri commenti mi ritrovo perfettamente nella situazione descritta da ellepuntopi. Anzi forse peggio.. Cosa gli si propone? La rivoluzione? Giusto per rimanere terra a terra. Scusate la scrittura confusionaria e rapida, ma sono in ufficio ;.

    E, da qui, chiedersi: perché? Perché le banche sono in mano ai massoni plutogiudaici o perché il grande capitale sta cercando semplicemente di salvaguardare i propri margini di profitto in una fase di crisi di sovraproduzione a livello planetario? E ancora: il problema è di natura puramente etico-morale o, semmai, legato alle dinamiche specifiche di un modo di produzione?

    Poi viene, come la naturale conseguenza di questo ragionamento, la domanda: noi che cazzo possiamo fare di fronte al carattere strutturale di queste crisi…? Il ragionamento dovrebbe prolungarsi parecchio per venire a capo di tutti i nodi, ma non allungo il brodo…. I nostri bambini lavorerebbero in fabbrica. Come lavoratori non avremmo alcun diritto. Per cui se è stato possibile temperare il capitalismo, perché non insistere su questa strada?

    Non che ne sia convinto, ma appunto come fai a convincere tutti quelli che stanno bene oggi, e sono la maggioranza, a pensare a qualcosa che va oltre la realtà quotidiana? Lo sai quanti massacri, esecuzioni, anni di galera e guerre hanno avuto come conseguenza le lotte di cui parliamo?

    Hai presente come rispose il capitalismo ai tentativi dei lavoratori di emanciparsi? Lo sai quanto sangue gronda il nostro stato sociale? Inoltre: per potersi gestire le conseguenze delle conquiste operaie qui, il capitalismo si è fatto più mostruoso nel resto del mondo. Certo, questa percezione antisistema non si traduce automaticamente in una coscienza anticapitalista.

    Poi né io, né nessun altro, abbiamo detto che questo passaggio sia qualcosa di semplice, di immediato o di meccanico. Ti piace questa società in cui vivi?

    Sono scemi i politici che promettono di cambiare le cose radicalmente in una situazione in cui tutti sono contenti di come vanno? Che dire… Ho quasi pianto. Scherzi a parte sono molto contenta di aver trovato finalmente qualcuno che dica questo:. Chiunque vada in giro in cerca di voti sfruttando la parola integrazione e immigrazione mi procura voltastomaco. Perchè questo siamo, persone e non merce da sfruttare per voti a prendere… e la sinistra odierna … a perdere.

    Sono perplessa. Perché vivo in una doppia minoranza, da immigrata e da omosessuale. Chi è venuto qui 30 anni prima di me ti darebbe un quadro della Germania nettamente diverso dal mio. Sul principio hai ragione siamo tutti persone , ma la realtà è quella che è, e io non sono nata qui, non conosco bene le regole di qui, a causa del lavoro non parlo benissimo la lingua, quindi ho bisogno più di altri di riferimenti e tutele a mia misura. Dal punto di vista dei gusti sessuali ti posso dire la stessa cosa.

    Siamo tutti persone, hai di nuovo ragione. Ma io sono diversa, è diversa la mia vita di coppia, due uomini o due donne si amano o si odiano tanto quanto un uomo e una donna,è vero, ma le dinamiche di coppia non possono che essere particolari.

    Ma che esista anche nella Costituzione che tu citi il principio di discriminazione positiva è innegabile. Quello che mi rende perplessa, quindi, è che per la mia esperienza nella pratica non siamo uguali e abbiamo bisogno che le nostre differenze, nel momento in cui ci possono creare uno svantaggio non voluto non so il tedesco da 27 anni come i miei colleghi, in Italia non potrei farmi assistere dalla mia compagna in ospedale e via dicendo , vadano riconosciute e tutelate.

    Tu sei lesbica non sei malata. A nessuno dovrebbe importare al di fuori delle tue mura domestiche. Ma non perchè non si deve sapere, semplicemente perchè le tue capacità lavorative, cognitive, di educazione civica, non cambiano. Ci stanno convincendo che la diversità è una brutta cosa e non è vero. Ci stanno facendo campagne elettorali sopra questa cosa. Ma se una domanda ci deve essere sarebbe: mi è simpatica, è professionale per il lavoro che svolge, mi piacerebbe conoscerla ed interagire con lei.

    Diversi…ma da chi? No io sto dicendo che la diversità è ricchezza. Lo so che è un concetto banale e inflazionato, ma non sbagliato, credo e penso che la mia diversità faccia parte di me. Quello che volevo dire poi è che nel mondo reale la minoranza deve in qualche modo poter mostrare la propria diversità, non per essere accettato, ma per conseguire i diritti che gli spettano e questo significa riconoscere che le diversità esistono.

    Scusami, piccolo post scriptum. Se non avessero promulgato editti che promuovono la mia pericolosità io sono musulmana nessuno si sposterebbe dal posto vicino a me in metropolitana. E li devo pure ringraziare? I gay sono diventati appestati portatori di AIDS grazie alle campagne pubblicitarie, sia quelle pro che quelle omofobe, ma nessuno parla degli etero infettati anzi più nessuno parla davvero di AIDS se non affiancandola agli omosessuali per rafforzare la tesi del problema. Ci mettono una bella freccia di riconoscimento sulla testa con sopra scritto il nostro reato e ci usano come corda per il tiro alla fune, chi a destra e chi a sinistra, tira tu che tiro io… Non sarebbe molto più semplice che sulla freccia ci fosse scritto il mio nome, il tuo, quello della tua compagna, quello di mio marito e ci fosse qualcuno che girasse finalmente la medaglia dal lato positivo?

    Io sono Mariama assenzio e sono Anche musulmana, tu sei Serenissima e sei Anche lesbica. Buonasera, sono un vostro ammiratore, nonchè lettore dei vostri libri e simpatizzante delle idee del M5S. Vorrei porvi alcune questioni riguardo a quanto avete scritto sopra e spero che voi mi possiate dare risposta. Non sapete quanto vi ringrazio per quel libro…. Provo a risponderti brevemente alla 1, anche se ti sei in qualche modo già dato la risposta. Destra e sinistra sono fisiologiche al sistema parlamentare o democratico se preferisce , spariscono se sparisce il sistema: con la Rivoluzione Francese, più o meno, è nato questo sistema e io sinceramente non mi auguro che muoia tanto presto.

    Il sistema parlamentare non è nato con la Rivoluzione Francese, esisteva già da secoli in diversi Paesi. La destra e la sinistra sono dei concetti che cominciano ad aver senso con le rivoluzioni borghesi incluse quelle venute prima di quella francese, per esempio quella inglese e che rappresentano semplicemente la polarizzazione tra le classi sociali della società moderna.

    Se un domani non esisterà più la divisione in classi come la conosciamo oggi, quello che oggi è il dibattito politico si sposterà su assi diversi da destra-sinistra. PS: Ah ops, non avevo visto tutto il sottothread!! Va comunque fatto notare che, anche se non si usavano quei termini che derivano dalla posizione dei gruppi alla Convenzione , le due polarità erano già rintracciabili. Anche nella società e nella politica cubana ci sono una destra e una sinistra.

    Grazie per i complimenti a Q. Il discutibile uso della rete da parte dei due riccioluti è stato analizzato da varie persone, un buon punto di partenza è il più volte citato libro di Giuliano Santoro Un Grillo qualunque. Era uno dei frame della Lega Nord primo periodo. Grazie per le risposte. Su quello preferirei sentirvi onestamente affermare che Cuba è un esperienza di destra, anche se è una destra che piace a chi è di sinistra. Un approfondimento che vorrei porvi è quello dello spostarsi, riguardo la nostra società occidentale, verso forme sempre più virtuali di esistenza e di controllo sociale per esempio noi stiamo occupando già uno spazio virtuale.

    In economia il senso si rivela nelle grandi differenze con il passato. Adesso queste che vengono delocalizzate altrove, il nostro sistema è stato ricalibrato sulla Finanza dove non solo circola denaro virtuale, debito e credito virtuale ma dove è anche più difficile per un subalterno risalire al proprio padrone. Non credete che questo possa essere un incipit per pensare che non solo stiamo superando la fase di Modernità che avete descritto, ma anche quella di Post-Modernità cui dovrebbe dare seguito?

    Non credete che destra e sinistra possano essere usate per dividerci soprattutto da chi oggi ci spaventa con ologrammi virtuali tipo Spred e oscillazioni finanziarie quando le fabbriche dove dovresti lavorare le hanno spostate in India?

    Scusami, ma mi sembra che il livello di fraintendimento sia oramai altissimo. Nella modernità, giocoforza le polarità tra le quali oscilla il discorso politico sono quelle di destra e sinistra. Quindi, dire che la mia risposta rispondeva a una domanda che non era stata fatta mi sembra sommamente scorretto. Il modo nel quale i media occidentali parlano di Cuba è basato sulla rimozione sistematica di aspetti fondamentali, per poterne illuminare solo altri.

    Io preferisco non buttare MAI nel cesso la complessità. Credo che in essa vivano delle contraddizioni che sono le stesse contraddizioni di cui è composta la natura di tutte le cose.

    Una filosofia orientale lo descrive nello Yin e Yang. I cattolici nel Bene e Male. La domanda che ti ho rivolto forse è troppo grande e complessa per la mia limitata cultura e forse dipende da quella se non sono riuscito ad esprimermi come avrei voluto. Provo a riformulartela in termini ancora più spicci dato che non possiedo mezzi per approfondirli e poi tu ragionaci cercando di mettere insieme quei pochi frammenti che ti ho scritto sopra per mettere insieme una tua idea.

    O questo nuovo scenario che viviamo in qualche modo ha superato o sta superando la Modernità stessa? Ti posto un video che forse conosci, che forse disprezzerai per la semplicità con la quale pone la questione, ma non sempre la semplicità è un valore sbagliato, secondo me, specialmente quando la realtà virtuale ti pone a muoverti sempre con maggiore velocità di fronte ai cambiamenti… Invece, tra quelli che hanno una formazione storiografica, come ad esempio il sottoscritto, e sono abituati a ragionare su processi di lunga gittata e durata es.

    La modernità ha un lungo periodo di incubazione che inizia approssimativamente nel tardo rinascimento, per poi affermarsi in modo non sincrono né lineare in Europa tra seicento e ottocento, con la Rivoluzione francese come evento-cardine.

    Per me, noi siamo ancora nella scia di quel cambiamento, non vedo nulla che possa farci credere di esserne usciti. Il movimento comunista e consiliare non ha ragionato sempre, per tutta la sua storia, al di là del parlamentarismo borghese?

    E perché ora nel giro di tre anni criticarlo è diventato roba da fascisti? Scusa, ma: di che vai farneticando? Perché ho scritto che con la Rivoluzione francese nasce la moderna repubblica parlamentare? Ho anche detto che con la Rivoluzione francese ha preso il potere la borghesia, secondo te stavo difendendo la borghesia? Se uno nomina qualcosa vuol dire che la sta difendendo?

    Ci sedeva e ci parlava Saint-Just, in quel parlamento. Ci sedeva e ci parlava Marat. La sinistra di quel parlamento era la Montagna.

    Non stiamo parlando di Pisanu o di Cicchitto, stiamo parlando di gente nella cui scia si sono mossi tutti i rivoluzionari dei due secoli successivi. Togliersi il cappello, please. Ehi intanto calma: nessuno ti ha aggredito. Magari mi sbaglio! Naturalmente condivido in pieno la tua inquietudine circa M5S.

    Ma al tempo stesso cerco di capirlo evitando pregiudizi basati su categorie ereditarie. E trovo del tutto sano un movimento che immagini il superamento della rappresentanza politica basandosi anche sulle opportunità offerte dalla rete sebbene per il momento utilizzate ancora in modo rozzo e inappropriato. Insomma, nel complesso io vedo luci e ombre: non capisco perché voi assumete questa posizione a senso unico contro M5S.

    Forse presenta motivi di interesse cui sarebbe interessante e utile offrire sponde: forse proprio offrirgli sponde potrebbe contribuire a farlo evolvere in direzione democratica. Non credi? Chi le ha tirate in ballo? Chi le incarna? Lunobi, se pensi che fine ha fatto Marat e a come poi si sia tramutata la Rivoluzione Francese, ti spieghi come mai quelli che fino a ieri si definivano extraparlamentari oggi sono per il bipolarismo alla francese.

    WM…e non era riferito a te! Se posso preferisco di gran lunga la dialettica alla polemica… Mi riferivo alle persone impaurite dal Cambiamento, quelle che per ragioni personali o familiari si troverebbero in seria difficoltà di fronte ad un rovesciamento delle abitudini.

    Mi riferisco a quelli che più o meno consapevolmente si turano il naso e a quelli che vorrebbero la Rivoluzione e poi appena vedono un cassonetto incendiato processano il vandalismo messo in atto. Tra queste stai sicuro una parte proviene anche dalle frangie più radicali. Detto questo dico che per me la Rivoluzione da fare è quella Etica e la strada da perseguire è quella della Non Violenza.

    Il M5S almeno in teoria dovrebbe liberare il campo dal liquame politico di questa Seconda Repubblica, cioè tagliare fuori un antagonista comune ad ogni cittadino onesto rinunciando ai privilegi della Casta. Non è poco di questi tempi. Dopo ci sarà la questione della Democrazia interna e quello è un altro discorso, più delicato e poi quello più importante di chi controllerà i controllori, ossia i vertici plenipotenziari.

    Quando lo guardi dimmi cosa ne pensi…. Scusate…i commenti che vengono postati passano un vaglio o deve passare un poco di tempo affinche si possano vedere esposti? Anche poco fa Saint-Just il nostro giustiziere ha segato il primo commento di un grillino che iniziava subito con un insulto.

    Che la digitalizzazione del socius abbia effetti opprimenti in tal senso non è discorso nuovo. Se trovo il tempo vorrei scrivere qualcosa di più dettagliato sulla questione, per ora mi limito ad uno spunto….

    Ne hanno parlato, per quello che ho seguito, solo sporadicamente persone isolate, mai, approfonditamente, i politici in campagna elettorale.

    Forse la politica è solo un inevitabile riflesso, una ricaduta. La politica in fondo riflette la società, no? Conta chi si è o cosa si sembra, non cosa si fa. Al punto che mi chiedo se non sia auspicabile una robusta iniezione di spersonalizzazione nei rapporti tra le persone. Certo, Serenissima. Anche se il meccanismo della personalizzazione ricadeva a cascata sui dirigenti locali. Quanto alla Lega, non lo so. Ma sono solo prime impressioni, potrei sbagliare.

    Da veneta ormai trapiantata altrove ti potrei dire quella che secondo me è una differenza tra la Lega e il M5S. Un Pizzarotti senza il volto di Grillo avrebbe preso forse i voti di sua madre e suo padre. La Lega ha costruito un radicamento nel territorio tale per cui con Bossi o senza, pur nelle sue contraddizioni e nelle decine di baggianate che propugna, ha buone possibilità di sopravvivenza.

    Ovvero la Lega ha realmente una base, a volte anche eterogenea antiberlusconiana o berlusconiana, secessionista o federalista che il M5S non ha. La personalizzazione comunque non credo sia solo un problema italiano, prendi la Merkel, il salto in avanti della CDU con lei è un dato di fatto e molto hanno potuto le sue caratteristiche personali che non sono necessariamente quelle strettamente politiche.

    Naturalmente quelle sulla Lega sono impressioni mie che valgono tanto quanto le tue e col tempo capiremo chi ha sbagliato nella valutazione e dove ;.

    Il successo politico significa accedere a fondi, mezzi, luoghi. Ad oggi, un giudizio complessivamente negativo direi. Per riassumere, penso che non avranno vita lunga. Io credo il problema del personalismo o, peggio, del leaderismo sia la mancanza di analisi del programma e dei fatti. E la piccola borghesia incattivita dalla crisi voterà pure Grillo a questo giro, ma al prossimo cioè tra pochi mesi salterà sul carro del destrissimo Tosi.

    Se uno si astiene non lo fa perché spera di ottenere qualcosa, e se spera di ottenere qualcosa è un ingenuo. Rivotando questi si prosegue lo sfascio, e fatalmente si riaprirà la via a una qualche destra, più orripilante che mai. Il pensiero di destra parte dal presupposto che si debba vivere secondo la legge che vuole sia il predatore ad assoggettare la sua preda. Quello di sinistra, invece, procede dalla convinzione che alle prede convenga organizzarsi per poter sottomettere il loro predatore.

    La strategia del centro mette in riga predatore e prede minacciando tutti con una doppietta a canne mozze che chiama, democraticamente, religione. Il Movimento cinque stelle prima circonda e poi caccia via tutti con, alla fine della pulizia storica, un festeggiamento colossale dove ognuno racconta barzellette già sentite…. Questo Vajmax, visti i suoi precedenti in giro per la rete, lo abbiamo bannato. Qui non commenterà più. Quando uno non riesce a trattenersi dallo sparare raffiche di commentini apodittici, di solito sono alte le probabilità che si stia preparando a cagare seriamente il cazzo, e infatti….

    Il movimento cinque stelle si avvale di un artista di nome Giorgio Gaber per squalificare le posizioni antagoniste della politica, chiamate destra e sinistra, ma chi era in realtà Giorgio Gaber?

    Leggi anche:FILE ODS SCARICA

    No, lui, Giorgio Gaber, si limita a dire che la mortadella è di sinistra mentre il culatello è di destra… e in ogni strofa del testo celebra soltanto aspetti meramente estetici, come se destra e sinistra fossero una questione di lucido da scarpe che lotta contro la polvere.

    Davvero un genio come sua moglie, la berlusconiana Ombretta Colli… Gaber si è speso per cancellare la memoria dei misfatti orditi da una destra mostruosamente criminale, ecco la sua cultura e la sua celebrata intelligenza e sensibilità cosa sono in realtà: ironia e sarcasmo fatti sul sangue dei martiri.

    Vajmax, Gaber ha avuto una produzione di testi e musiche più che trentennale, almeno 12 album in buona parte doppi , e diverse fasi. Come è stato un tagli oarbitrario, ma intelligente, e che meritava di essere fatto e visto, lo spettacolo che ne ha tratto qualche tempo fa Neri Marcoré. Ma poi, chi se ne frega di cosa avrebbe detto Gaber? Pensa te che nelle aule dei tribunali si discute attorno a un fatto della vita di una persona e, a volte, per quel semplice fatto sono tratti giudizi complessivi che portano quella persona in galera a vita.

    Chi se ne frega di Gaber? Fatti curare, nessuno mi ha mai dato ragione senza dover poi ricorrere a uno psichiatra che detesta la psichiatria… :D. Durante entrambe le letture, sentivo un vago disagio, che poi ho compreso leggendo i commenti. In qualche modo ho provato un disagio analogo quando sempre WM1 sollecitava commenti non teoretici al post su Jesi. Allora non sono riuscito a scrivere della mia paura che, una volta che si apra quella cassetta degli attrezzi e si cominci a smontare cose, non rimanga poi in piedi nulla.

    È interessante la constatazione che ci siano individui che credano nel credere, e sarebbe bello, se tra il credere e il conoscere esistessero dei punti di contatto. Cosa significa, per me, armonia? Forse anche la logica è una fede. Io non so di greco, ma la radice della parola è il discorso, non la realtà o la verità.

    La logica serve a spiegare, non mi pare che serva sempre anche a capire quante cose capiamo prima o senza che ci vengano spiegate o che siamo in grado di spiegarle? La logica, in quanto strumento scientifico, viene spesso contrapposta alla fede, ma uno che ne capisce di sociologia tempo fa mi ha stupito e fatto pensare, accennandomi al fatto che la scienza e la fede nelle società hanno la stessa funzione. Provo a darti una risposta personale, cioè su quello che è il mio pensiero.

    Sintetizzando ti posso dire che sono comunista e che non vedo il comunismo come utopia. Ovvero, il comunismo non rappresenta il popolo se il popolo non si sente rappresentato dal comunismo. Per questo posso aggiungere al mio essere comunista il mio essere irriducibilmente democratica.

    Se non esiste più per il volere di pochi o per il volere di una maggioranza significa che abbiamo in mano delle verità inconfutabili o che, molto più probabilmente, queste verità se le è inventate qualcuno e il resto o buona parte del resto lo segue ciecamente. Come una fede appunto. La menzogna è una verità, nel senso che è una vera menzogna. Verità che è anche Libertà assoluta, quella alla quale dobbiamo la nostra striminzita libertà di non credere, di credere, o di sforzarci a conoscere.

    Poi magari finisci anche col fascismo che sapeva la verità su tutto e la applicava perché voleva bene al popolo. Le cose buone e le cose cattive ci sono e sarà semmai il negarne la sussistenza che condurrà a dire che sinistra e destra non significano più niente; che poi è la conclusione alla quale arrivano quelli che fingono di non essere di destra per non doversi giustificare. Secondo me non hai letto tu la discussione precedente. Il MoVimento 5 Stelle non è fascista, non è di destra, né di sinistra.

    Il M5S non ha pregiudiziali nei confronti delle persone. Se sono incensurate, non iscritte a un altro partito o movimento politico, se si riconoscono nel programma, per loro le porte sono e saranno sempre aperte. Non ci sono italiani di serie A o di serie B. Nel merito delle votazioni nei Comuni e nelle Regioni, il M5S ha votato finora le proposte considerate attinenti al suo programma, chiunque le avesse fatte.

    Le porte per i partiti, anche per quelli riverginati, sono invece chiuse, serrate per sempre. Vuoi sapere cosa è giusto?

    Basta fare un sondaggio su internet o un referendum propositivo magari sempre su internet , la maggioranza o Grillo a seconda dei casi dà sempre la risposta giusta!

    Io so cosa è giusto e cosa è sbagliato per me, ma non lo so in modo assoluto, altrimenti mi metterei a fare da sola il bene di tutti e lo rivelerei al popolo da un balcone o in una piazza, che è quasi lo stesso. Il principio universale del movimento, per portare un esempio, è una legge non sottomessa al cambiamento perché se lo fosse la vita cesserebbe di essere.

    Questa che sto esponendo brevemente è metafisica e non filosofia. Per quanto si riferisce alla logica si deve dire che essa è conseguenza della Verità totale che si esprime nelle verità parziali e relative e, dunque, essendo dalla Verità totale compresa non potrà interamente comprenderla a propria volta.

    È evidente che quando quei presupposti, o assunti di partenza, sono errati perché assurdi la logica darà risposte altrettanto assurde.

    La fede, a propria volta ha, come ogni altra realtà esistente, i suoi gradi e sfumature ma, sempre, è lontana dal conoscere a meno che… si una fede che è conseguenza della consapevolezza, universale e immediata, totale e non relativa, dovuta alla capacità di comunicare direttamente col Centro di Sé. Eventualità più rara di un pianista monco. Questo genere di commenti, che potrebbero stare indifferentemente in qualunque thread tanto sono astratti e sganciati dal resto della discussione, non piacciono a noi e, soprattutto, non piacciono a Saint-Just.

    Primo, educato avviso. Quel post era la risposta alle argomentazioni sollevate da un altro utente e, dunque, niente affatto fuori luogo. Io non faccio proselitismi, ma uso la logica, e il tuo trattarmi come volessi approfittare indebitamente di questo blog mi suggerisce solamente che non sia più il caso di frequentarlo. Tanti saluti e auguri di buon lavoro. È comunque un peccato, ma per voi, che di intelligenze ne vedete poche. I tenutari di altri blog hanno fatto notare a Saint-Just, con tanto di link, che sei un troll.

    Bene, da qui te ne vai. Penso che, dopo le elezioni, sarà molto interessante andare a vedere la composizione sociale degli elettori che avranno votato per Grillo. Il fascismo fu inizialmente un movimento piccolo-borghese con velleità rivoluzionarie. Ma gli operai non abboccarono; per loro, fin dal , Mussolini era un venduto e basta.

    Il fascismo lo abbatté con la violenza pura e semplice. Fino a che punto ci riuscirà? I primi avevano una coscienza di classe, facevano riferimento a ben precise e loro proprie organizzazioni politiche e sindacali non importa quanto efficienti , e non si facevano abbindolare facilmente dalla demagogia mussoliniana.

    Questa contraddizione fra realtà e ideologia potrebbe, prima o poi, esplodere, a meno che non venga ancora una volta compressa da una qualche forma di dittatura fascista. Forse nemmeno la piccola borghesia del lo era. Scusa puoi dirmi qual è il grande capitale che finanzia il M5S? A mia conoscenza si finanziano solo con donazioni online.

    E mi risulta invece che le altre tre coalizioni politiche in partita siano tutte legate a banche e assicurazioni. Analisi già citata sopra. Ricordo benissimo un amico che fece una iniziativa con Pino Maniaci.

    Aspetto che non ho mai digerito, parte della peggiore tendenza totalizzante dei grillini e della loro peggiore ignoranza. La Enamics ha una rete di relazioni aziendali impressionante sia dirette che indirette grazie anche a una rete di partnership consolidata e da più di 6 anni con due altre aziende del settore, la Future Considerations e la Ibm Tivoli.

    Un articolo molto intrigante, in cui si cerca di trovare delle caratteristiche comuni del pensiero […]. Tuttavia ritenere che un oggetto politico sia imprescindibilmente di destra o di sinistra diventa metafisica del potere.

    M5S è un geniale prodotto di marketing che risponde ad un vuoto pneumatico di soluzioni politiche al berlusconismo di destra e di sinistra. E il suo pensiero politico non è omologabile con categorie destra sinistra, perchè segue altri frame, cittadino-consumatore, democrazia-partecipazione, casta-popolo etc.

    Formulare oggi in destra sinistra le valutazioni alla vigilia del voto è artificiale e funzionale al sistema di potere esistente del quale M5S è oramai attore protagonista. Invece per lottare contro le diseguaglianze sociali creando un benessere collettivo, a mio parere si deve partire dal fallimento del movimento No-global e di ogni alternativa seria al trionfo del danaro come super-merce e misura unica di ogni azione e relazione sociale.

    Questo è possibile per due ragioni: economica e tecnologica. Se si continua a blaterare di capitalismo tardo o post ci si ritrova a votare PD M5S RS senza mai incidere sui meccanismi reali del potere. Non siamo più una nazione, neppure una nazione di poveri ma belli.

    È fascista perché crea polarità che non permettono di ragionare. Fino a un paio di anni fa simpatizzavo per Benetazzo che ha avuto anche una rubrica sul blog di Grillo , non dando peso al fatto che il titolo del suo libro più famoso puzzasse terribilmente di fascio. E una Nazione seria deve combattere la criminalità, sia quella italiana che quella straniera. Quando invece senza i diritti starebbero meglio solo i padroni. Ho seguito la diretta da Piazza San Giovanni con una stretta allo stomaco simile a quella che ricordo forse più mutuata dai miei genitori che vissuta, dato che avevo appena 10 anni dalla sera del 27 marzo Cosa ci porteranno le monete scagliate su Mussari?

    La cosa che ha fatto più male è stato lo scippo simbolico della piazza. La piazza è diventata sineddoche, e in questo modo ha finito per diventare il luogo della lotta. Facile, a questo punto, impadronirsene. Loro mi chiesero se era un azienda con dipendenti iscritti al sindacato. Risposi di no ma che ero disposto a lavorare per questo.

    Loro mi risposero che la legge non gli permetteva di fare niente. Smettiamola di attaccarci ai feticci.. Comunque, che i sindacati confederali siano stati spesso ciechi, incapaci di vedere oltre lo status quo per esempio la limitazione alle aziende con oltre i 15 dipendenti e che in alcuni casi abbiano avvallato accordi proditori rispetto alle classi che dovevano difendere, è vero.

    Il problema è se dici che il sindacato in quanto tale è inutile, che la rappresentanza collettiva di chi lavora e superata perché le differenze di classe non esistono più.

    Aveva il difetto di essere un movimento elitario di […]. Nel suo comizio Grillo non critica i sindacati: li nega. E non perché — come persino Grillo ha scritto altrove — abbiano tradito chi dovevano rappresentare il che a volte è stato vero , ma perché appartengono a una visione vecchia della politica. Questo apre la strada a un falso ecumenismo sociale di cui si è molto scritto su questo blog. Quindi democrazia virtuale. La stessa immagine, dei volti che compongono il Volto o meglio, il Corpo , si trova anche in un altro testo: il Leviatano di Thomas Hobbes.

    Avrei altre cose da dire ma concludo, che ho parlato troppo. La posizione di Grillo sui sindacati è secondo me uno dei fattori decisivi che permettono di caratterizzare la sua proposta politica come nettamente di destra. Insomma: Grillo è esplicitamente filo-capitalista.

    Ipotesi: ora che il vecchio vistosamente cola di guancia e sui media viene sorpassato perfino dal conclave anche se il milan rifila due legnate al barça, Grillo eredita quel frame e scommetterei che qualcuno nella suddetta cosiddetta sinistra stia fregandosi le mani e mettendosi comodo coi popcorn per altri diciassette anni non è detto che gli vada bene, ma penso che ci proveranno.

    Ottimo spunto, interessante come al solito. Ora, se questo non è un modo per identificare il nemico di classe, con chi lo identifichi tu questo nemico? Se pensi che tutti gli imprenditori debbano essere considerati nemici di classe, non trovi si corra un rischio di settarismo minoritario vedi domanda n. Si tratta di una condizione di armonia, di un equilibrio che sarebbe stato rotto da invasioni, intrusioni o comunque interferenze. Con questa logica semplicistica che fa da diversivo rispetto alle contraddizioni di fondo del sistema, in Italia non solo non si è mai andati da nessuna parte, ma si è sempre peggiorato il quadro di partenza.

    Se questo non è un movimento di destra…. Su come il grillismo attacchi i politici, mi sembra che in molti abbiamo già speso sin troppe parole. A essa, nel discorso di destra, si contrappone la Nazione, che è solida, ha confini etc.

    Una critica minimamente sensata al capitale finanziario non lo separa dal capitale produttivo, come se il primo fosse cattivo e il secondo buono.

    Mi sembra che i tuoi controesempi siano molto impropri e che tu la stia facendo troppo semplice, in particolare quello sulla decolonizzazione immagino tu ti riferisca ad Africa e Asia.

    Se poi questa sfida sia stata vinta o persa, è un dibattito spinoso, che non possiamo affrontare in questa sede. La decolonizzazione, ad esempio, ha mantenuto la divisione di quelle terre in stati-nazioni etc.

    Sugli altri punti, soprattutto quelli specifici sul M5S, qui è un anno che si dibatte e in molti li abbiamo già toccati più volte, davvero, non voglio tornarci sopra. Anche sul programma del M5S, persino in questo thread, ho già spiegato come la penso. Eterogenesi dei fini. Il problema della corruzione non è principalmente morale, è strutturale. Se la funzione che esercita ha una logica di fondo determinata dalla struttura del sistema, la persona somiglierà alla sua funzione.

    Nasi era moralmente integerrimo su quel piano, quello che ai grillini piace tanto. La base del consenso berlusconiano da Palermo a Milano. E non ha niente a che fare con la morale: è necessaria perchè sta a fondamento della funzionalità del sistema politico. Garantisce la facoltà di una popolazione di orientare, nella misura del possibile, il proprio destino. I livelli italiani di corruzione e illegalità non sono affatto endemici al capitalismo, semmai al feudalesimo che ancora regna nella penisola: il capitalismo nasce puritano!

    Idem per il politico che trovava normale tutto questo e non legiferava per impedirlo, anzi, legiferava per impedire di impedirlo! Magari nel privato una bravissima persona, uno che se gli offrivano una tangente inorridiva, ma parte di un terribile sistema di dominio e sfruttamento.

    Tutti erano incensurati prima di essere sgamati. E tutti i politici della kasta erano ggente onesta prima che qualcuno gli offrisse una mazzetta. Non so se i grillini quando son malati vanno da una persona onesta, io vado da un medico, sperando eventualmente che sia ANCHE una persona onesta….

    I grillini, quandi sono malati, non vanno dal medico. La salute dipende dal grado di informazione che hai e dal tuo stato sociale.

    Giovinezza

    Lo puoi fare da solo. Puoi imparare cosa non mangiare, il tipo di dieta migliore, e questo grazie al confronto con chi ha i tuoi stessi disturbi, senza andare al pronto soccorso o dal medico. Se ti fa male il gomito o hai male a una gamba, la prima cosa che fai è andare su internet e verificare da cosa dipende il problema. Poi sulla rete scopri che altri hanno lo stesso sintomo ed entri in un forum specializzato cui partecipano esperti e malati, e riesci ad avere in poco tempo un quadro di quello che hai e delle possibili soluzioni.

    Dimenticavo di risponderti sulle scienze cognitive. Diversi studi fatti su persone di destra e persone di sinistra hanno dimostrato — o, almeno dal mio punto di vista, confermato, perché non è che non si sapesse già! Ripeto, ambasciator non porta pena. Un rilievo tecnico.

    Se interessati, consiglio due articoli. Naturalmente è trasversale alla polarità destra e sinistra: intende capire come un cittadino si autoconfigura in quanto elettore ingroup vs.

    Grazie per gli altri due link. Mentre uno dei valori scatenanti è: Per la sinistra la contestazione il voler criticare, perfezionare, migliorare qualsiasi punto di vista. La difficoltà di far fronte comune che porta a una deframmentazione in mille partiti. La sudditanza con cui accetta, e fa sue tutte le teorie del suo leader; nonché il bisogno, dipendenza dal leader che li comandi e guidi vedi periodo in cui Berlusconi diceva di ritirarsi… primarie si primarie no, alleanze, candidati.

    Grillo e il M5S sicuramente, almeno per ora, non accetta divergenze. Sono gli stessi sudditi, a volte arrivano da destra a volte arrivano da sinistra ma tutti altamente predisposti a seguire ciecamente un leader. Una logica che i media ci impongono, facendoci credere che la politica sia uno scontro fra persone, e non fra le ideologie.

    Alle prossime elezioni In molti sceglieranno chi votare confrontando i vari leader: autorevolezza, carisma, disprezzo per le regole diventano voti a favore. Il suddito accetta e perdona tutto al proprio padrone per lui mai bugiardo, evasore, truffatore ma furbo.

    La scomparsa dei sindacati é nelle cose stesse; già ora non servono a nulla di buono e soprattutto vengono abbandonati dai lavoratori. Non solo la gente non si iscrive, ma neppure pone mente alla loro esistenza quando fa dei progetti tanto personali quanto collettivi. Non solo i triplicisti sono riconosciuti esplicitamente come dei nemici, ma é il concetto stesso di sindacato che é concepito come futile.

    Per conseguenza che facciano parte della vecchia politica, il movimento 5 stelle più che affermarlo, ne prende atto.

    Diverso potrebbe essere un discorso con movimenti tipo le mareas spagnole. Non escludo che ci possano essere sviluppi in questo senso, anzi lo ritengo probabile. Persino nella loro attuale forma burocratica e degenerata vi sono casi in cui usarli tatticamente è possibile, e se non ci fossero il quadro non sarebbe migliore e più rivoluzionario, ma di gran lunga peggiore.

    Noti rivoluzionari i primi, note centrali sovversive le seconde. Sono proprio incorreggibile… Quoto WM1, è una stronzata ribadita pure ieri sera da Grillo ed il fatto che ci fosse una piazza consenziente non la rende di meno una stronzata. Quindi grazie a tutti. Ritengo questo voto importante,relativamente..

    Ma qui siamo e quasto abbiamo. Penso di votare il M5 S con alcune grosse incertezze e un non riconoscermi in alcuni aspetti anche da voi giè scritti , Non condivido e spesso mi irrita il linguaggio di Beppe Grillo e anche di alcuni grillini talvolta aggressivo e volgare e ingiusto …non credo che tutti i politici siano uguali.

    Proprio no. Alcuni punti …con un linguaggio e contenuti, forse, un po diverso da quelli lettie mi scuso se mescolo vari aspetti…. Destra -sinistra. Per forza. Questo esiste oggi e questa scusatemi è la concezione marxista Operai -padroni-capitalismo vista da sinistra. Ma non mi dite , o spiegatemi, che non è della sinistra vedere il nemico come esterno. Appunto il padrone, Monti , Berlusconi e non nego che possao esserlo. E come è possibile essere parte di uno schieramento non fascista…se il fascista è ben radicato in certi nostri inconsci comportamenti… Ieri sera ho sentito Concita de Gregorio che era in piazza s Giovanni che diceva, ovviamente quello che lei aveva visto nella piazza metà delusi di sinistra , metà di destra e una parte che non avrebbe altrimenti votato.

    Beppe grillo parla di comunità di solidarietà Casalecchio ha parlato poco, e ha parlato di trasparenza onestà competenza. Quese parole non mi sembrano di destra, Sono quelle che io ritrovo nell impegno di movimenti che cercano di uscire da una economia-finanaza di destra condivisa da una parte della sinistra, , alcuni presenti sul palco ieri sera ,il movimento dell acqua. Oltre che con valide riflessioni storiche -intellettuali sentiamo anche con il cuore.

    Ci sarà molto da vedere cosa farà il m5s dopo le elezioni. Guarda, io ti capisco, credimi, ti capisco. Lo è in quanto riveste un certo ruolo. Se Marchionne si mettesse a fare lo spazzino, nessun operaio lo combatterebbe.

    Sono verità ultime o si possono argomentare? Una volta compresa questa simmetria, ho cominciato a usare la mia visione politica come uno specchio, e a modificarla per curare la mia psicopatologia quotidiana.

    E in ogni caso: in che misura è pensabile una liberazione di costui dalle catene oggettive dello sfruttamento, che non sia anzitutto una liberazione dalle sue catene soggettive? Chiedergli di farlo, poi, mi sembra addirittura osceno.

    Ogni volta mi si contesta un esempio, io ne faccio un altro. Ma immagino che a te simili paradossi piacciano molto È del resto una questione che, nella sua semplicità, cela risvolti filosofici, linguistici, epistemologici ed anche metafisici considerevoli.

    È dunque una questione di lungo periodo. Queste separazioni interiori sono parte integrante del dispositivo di comando, ne sono il frutto e il seme al tempo stesso. La liberazione non avrà mai luogo, se non simultaneamente su questi due piani. Il progetto di liberazione della sinistra del Novecento si è arenato sulla mancanza di una visione stereoscopica del problema. Un esempio. Posso al massimo dire che le mie paturnie sono parte del problema. E il telefonino è solo uno degli innumerevoli esempi che potrei fare.

    Una sola parola prima di dormire. Non difendo un punto di vista idealista. Le separazioni esistono nella realtà. Ma il modo in cui ciascuno di noi attribuisce loro maggiore o minore centralità nel suo universo, e inoltre il modo in cui le sentiamo e le interpretiamo, le valutiamo e le carichiamo di valori estetici, emotivi, morali e solo infine politici: tutto questo è in gran parte proiezione. Il modo in cui sentiamo e valutiamo il male e il bene nelle cose è quasi sempre, in larga parte, proiezione.

    Difficile fonte di evoluzione è guardare le due cose insieme. Facile rassicurazione, accontentarsi di una. Il Movimento 5 Stelle come il fascismo, certo. Anche il fascismo proponeva il limite dei due mandati per evitare il formarsi di un gruppo di potere indipendente dal volere dei cittadini.

    Anche il fascismo promuoveva la discussione pubblica delle leggi prima della loro approvazione. Anche il fascismo proponeva il controllo rigoroso dei redditi dei politici per ostacolare la corruzione. Anche il fascismo proponeva leggi per evitare la concentrazione dei mass media in poche mani. Come ho fatto a non rendermi conto prima? Veramente, il primo fascismo proponeva cose moooolto più rivoluzionarie a parole di quelle che hai elencato.

    Ancora una volta: leggete il programma di San Sepolcro Ad ogni modo, il fatto che Grillo non sia candidato è del tutto ininfluente. Grillo sa benissimo che tutto quanto ho appena detto è ineludibile sostanza, mentre occupare un seggio al parlamento sarebbe solo un pro forma. E quindi, che gliene fotte di andare di persona in parlamento? Esattamente come il fascismo il M5S propone soluzioni semplici a problemi complessi.

    Esattamente come il fascismo il M5S delega la propria rappresentanza politica ad un autocrate populista. Esattamente come il fascismo il M5S auspica il superamento della politica parlamentare nel nome di una non ben definita volontà popolare. Esattamente come il fascismo il M5S abbraccia una visione dicotomica del corpus sociale basata sulla presenza di agenti inquinanti da eliminare.

    Esattamente come il fascismo il M5S vuole abolire i sindacati. Devo continuare? E considera che sto tentando di farmi capire, eliminando le questioni teoriche più complesse dal mio ragionamento…. Qui ci sono gli ultimi 3 minuti, e potrebbero anche bastare.

    Potete dirmi, dirci perchè avete tolto il mio pur modesto tentativo di contributo?? Cioè, non è che il fascismo è nato tra chi occupava le fabbriche, questi invece fanno le battaglie contro tav e inceneritori con noi!! Senti, con tutto il rispetto, non è che possiamo ripetere tutte le spiegazioni da capo, rifare tutti gli esempi da capo, segnalare tutti i link da capo ogni volta che qualcuno arriva e, bel bello, ci richiede tutto quanto.

    Dopodiché, magari dissentirai radicalmente, ma intanto te lo sarai fatto. Noi diciamo quel che pensiamo e cerchiamo di argomentare come meglio possiamo, ma non siamo un ufficio informazioni presso il quale si possa fare la fila e chiedere tutti la stessa cosa.

    Mi è davvero impossibile comprendere il senso di questa tua risposta. Era solo per dire che la distrazione rispetto ai temi del lavoro la condividono con molti altri; ma te, invece de che stai a parlà? Io sono una figlia di migranti somali nata in Italia. Cosa sono? Non siamo mai al centro del dibattito pubblico, politico, popolare. Ora siamo anche diventati uno slogan e una figurina panini. Il suo No alla riforma della legge sulla cittadinanza e la sua non belligeranza a Pontedera nei confronti di Forza Nuova dice molto della sua posizione.

    Chi è in un movimento politico non deve accettare di essere zittito e in generale non deve accettare che si portino avanti idee lontane anni luce dalle sue convinzioni. Non in questo modo palese, ma ecco ci sono cose che mi fanno rabbrividire. Per esempio la situazione dei figli di migranti, la mancata cittadinanza ora è diventato uno slogan. Si parla di dare la cittadinanza ai figli. Ok, va bene. Siamo tutti contenti.

    Ma i nostri padri? Le nostre madri? I nostri fratelli? I nostri amici? Di questo non si parla. Io temo che sul tema possiamo parlare di grande ambiguità italiana e negazione del cambio antropologico che sta avvenendo in Italia. Si ha questa idea erronea che gli immigrati siano di sinistra. Non sono di sinistra. Non solo di sinistra, almeno. Ci sono parecchie persone di destra, centro. Quando magari il bambino ha visto in vita sua solo i palazzoni di Segrate o da contentere, quindi problema sicurezza.

    Molte persone, politici inclusi, pensano che prima o poi il fenomeno finirà e si ritornerà tutti bianchi e tutti contenti. Nel come ci ricorda Stella un uomo nero e una donna bianca non potevano avere rapporti sessuali, se no pena la morte. Ci ricordano gli Almamegretta che siamo tutti figli di Annibale. Mi meraviglia molto che molti colleghi scrittori del Sud guardino agli Stati Uniti per trovare ispirazione e non al Nord Africa.

    La nostra posizione geografica potrebbe essere la nostra forza.

    Cerca comunisti nelle barzellette

    Invece si evita di parlare di questo legame scomodo e i migranti soprattutto africani vengono trattati in maniera ignobile. Ecco è questa la verità. Finché non affronterà questo suo nodo psicologico non potrà essere un paese civile.

    E come fa ad affrontarlo? Studiando la storia soprattutto del suo colonialismo becero, ma non solo , facendo programmi scolastici seri ed inclusivi, formando la popolazione e gli operatori.

    Hamburger middle

    Poi si ci sarebbe il mondo della cosidetta cultura…quella sta indietrissimo secondo me. Mi consola che piano piano in tutti i settori i migranti e i figli di migranti hanno preso la parola. In letteratura, nel cinema underground penso al lavoro di Dagmawi Ymer soprattutto e si anche in politica. Ci stavo facendo caso in questi giorni. Ci sono tante persone di origine migrante negli schieramenti. Alcuni sono figurine panini, santini che serviranno ben poco alla causa.

    Penso anche a tante iniziative di movimento politico dal basso che migranti e figli di migranti stanno portando avanti.

    Io ho scritto pur lottando per trovare spazi di scrittura. I quotidiani e i settimanali italiani non vogliono sentir quasi parlare di immigrazione.

    Troppo sfigati siete ti dicono di questa storia. Il proiettile di Casseri è entrato nel midollo spinale fracassandolo. Quel ragazzo pieno di vita oggi è un vegetale. Mi dicono che sono esagerata quando dico che quello che è successo a Firenze è un omicidio Fascista. Secondo me è colpa di casa Pound. Per me quello è fascismo. Due ragazzi morti e tre feriti è fascismo. Insomma vi ho scritto queste cose per aggiungere qualcosa alla riflessione.

    Mi scuso per la disorganicità. Sento molta verità nel tuo scritto, igiabascego. Sono sposato con una Mauritana nera che mi ha donato una stupenda figlia da poche settimane: la cosa più divertente è che tutti si sono meravigliati perchè il colore della pelle di Alma Hawa è bianco candido!! A mio parere il punto è che nessuno viene educato al diverso da sé e quando scopre che la diversità sta sopratutto nella propria testa, nei schemi mentali allora inizia ad amare la vita e rifugge ogni fascismo, razzismo, nazismo e comunismo realizzato.

    Mi soffermo su un punto che ho a cuore. Leon Walras escludeva persino il sistema finanziario dal suo schema di equilibrio generale e tutti gli economisti classici non considerano il sistema finanziario come elemento portante del sistema economico. Diverso è il discorso sul sistema bancario, sulle sue relazioni con il sistema di accumulazione del capitale e sulla creazione delle classe sociali dominanti.

    Quindi il nodo è il razzismo insito nel sistema fascista e nazionalpopolare. E il post di igiabascego aiuta in questa direzione. Oggi i sindacati difendono i loro adepti e coloro che hanno un posto di lavoro a tempo indeterminato ed hanno come obiettivo la compartecipazione alle scelte di politica economica: in pratica il sindacato è un pezzo dello Stato e del sistema economico esistente.

    Non vi è antagonismo se non in precisi settori produttivi quasi obbligati ad esserlo pena la irrilevanza delle rappresentanze sindacali. Il fatto che tramite la forma di organizzazione sindacale e soprattuto le lotte e il sangue dei lavoratori e lavoratrici si siano ottenute conquiste sociali fondamentali non ha relazione con quello che oggi sono diventati.

    Semmai è una memoria malamente utilizzata e una ignobile giustificazione per non modificarsi. Essere contro i dogmi e gli intoccabili è un connotato di sinistra, fino a prova contraria.

    Storicizzare sempre. Il tuo commento, Rs64, secondo me dipinge abbastanza bene la situazione di chi crede che o agisce come se sinistra e destra siano posizioni obsolete. Il parlamentarismo, la possibilità di associarsi in partiti politici che rappresentino diritti e dignità di chi vi si associa, in sindacati a difesa dei diritti di chiunque lavori e non solo dei tesserati e delle tesserate , sono cose di sinistra, per me.

    Storicamente WM1 ha ragione, Jameson ha ragione, la storia va sempre tirata in mezzo quando si fanno valutazioni non-metafisiche questo, a mio avviso, è. Poi, che questi epigoni siano inadeguati, chi lo mette in discussione? Non certo qui, mi pare. Mi scuso per la lunghezza. Dogmi ed intoccabili parole usate dai liberisti!?! Le parole sono proprietà di qualcuno?! Non mi interessa entrare in polemica sulle parole. E ci mancherebbe dato che dal qualcosa vivaddio è cambiata.

    Scendere sulla terra e nella quotidianità vuole dire storicizzare, non ripetere la litania delle lotte che furono. Che peste lo colga! Ed è questa la ragione per cui oggi triplo sigh! Guardare in faccia la realtà è atto rivoluzionario in sé e la destra italiana agendo sul ventre e sui bisogni attuali fa il lavoro che fu della sinistra.

    Un analisi analogica va bene per un discussione senza pretese ma è quanto di più antiscientifico si possa praticare. Sarebbe bene partire dal presente per capire come costruire un futuro altro.

    La Cina, che è ancora comunista, regge le sorti del sistema economico attuale. Cuba è comunista ed opprime parte del proprio popolo. La Corea del Nord gioca al dottor Stranamore. La sinistra non emancipa più nessuno da almeno 30 anni. Questi sono i fatti. Non accettiamo le tue scuse, comunque adesso che hai avuto i tuoi due minuti speriamo tu sia contento.

    Ma sono ancora più triste perchè la sinistra è totalmente incapace di proporsi come alternativa credibile alle elezioni. Spero valga anche per voi. Come si fa?


    Nuovi post