Chrisadamo

Chrisadamo

MATLAB POLITO SCARICARE

Posted on Author Dujinn Posted in Software


    MATLAB ACADEMY: opzione che permette a tutti gli utenti di accedere al training on line di Attivazione di licenze network concurrent: [email protected] (@chrisadamo.com o @chrisadamo.com e una password a tua scelta. Verrà scaricato un file eseguibile (matlab_Ra_winexe o simile): fai doppo click su. Ra: Updates to MATLAB, Simulink, and 90 Other Products. Ottieni di più da MATLAB e Simulink scaricando l'ultima versione. Scarica ora. Video Player is . Con MATLAB and Simulink Student Suite e MATLAB Student puoi divertirti con i progetti di ingegneria e scienze e acquisire importanti competenze che ti.

    Nome: matlab polito
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 49.78 Megabytes

    Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie. JavaScript DEVE essere abilitato sul tuo browser per poter utilizzare le funzionalità di questo sito web.

    Oggetto fondamentale della trattazione il problema del controllo di un impianto lineare ad un ingresso e una uscita, tramite un'architettura in retroazione sulla misura dell'uscita.

    In una prima parte di analisi del sistema di controllo, si discutono varie forme grafiche di rappresentazione della risposta armonica del sistema, quali i diagrammi di Bode, i diagrammi polari e di Nyquist, e i diagrammi di Nichols. Questi strumenti vengono poi utilizzati per dedurre informazioni critiche sul sistema controllato, quali i margini di stabilit, la robustezza e le bande di funzionamento e di reiezione dei disturbi.

    Rapporto SNRq 8. Classificazione, errori statici lineari 3. Nonlinearità 4. Parametri dinamici 5. Rete a scala 8. Classificazione degli errori 3. Complessità e velocità 4. Flash e approssimazioni successive 5. Convertitori a residui 6. Convertitori pipeline 7. Complessità e velocità 8.

    Condizionamento del segnale 2. Circuiti di protezione 3. Amplificatori di condizionamento 4.

    Cerca nel blog

    Multiplexer 6. Conversione logaritmica 3. Conversione differenziale 5. Convertitori sigma-delta 6. Sovracampionamento, noise shaping 7. Gestione della potenza 2.

    Metodi di conversione 4.

    MATLAB Student

    Conversione AC-DC 5. Conversione DC-DC 6. Alimentatori lineari 2. Componentistica e tecnologie 3. Filtri 4. Regolatori 5. Riferimenti di tensione 14 Alimentatori a commutazione 1. Alimentatori a commutazione 2. Tecniche PWM 3.

    Schemi circuitali di principio 4. Regolatori Buck, Boost e Buck-Boost 5. Accumulatori e caricabatterie 15 Pilotaggio di carichi 1. Pilotaggio di carichi 2. Attuatori: interfacciamento 3. Motori: un esempio di carico 4. Pilotaggio in linearità 5. Pilotaggio in commutazione 16 Gestione della potenza 1.

    Metodi di gestione della potenza 3. Ottimizzazione delle prestazioni 4. Gestione della potenza dissipata nei circuiti. Bus di comunicazione 0 Presentazione 1. Presentazione 2. Obiettivi, prerequisiti, contenuti 3. Materiale didattico 4. Sistema di riferimento: sistema di acquisizione dati 5.

    Richiami su condizionamento di segnale 1 Architetture di interconnessione 1. Bus di comunicazione 2. Cosa sono i bus 3. Tipi di bus 4. Transazioni e arbitraggi 5. Protocolli 6. Architetture tipiche di interconnessione 7. Esempi, prestazioni e comparazioni 2 Esempi commerciali 1. Esempi commerciali 2. Bus PCI 3. Bus USB 4. Analisi lineare 3. Esempi di impiego del PLL 4. Principio di funzionamento del PLL 5. Schema a blocchi del PLL 6.

    '+_.E(b)+"

    Funzione di trasferimento, ordine, parametri 7. Errore di fase a regime 8. Demodulatore di fase analogico 3. Demodulatori digitali 4. Comportamento ad anello aperto 6. Caratteristica a farfalla ad anello chiuso 7. Campi di cattura e di mantenimento 8. Effetto della modulazione sul VCO 9. Esempio 5 VCO e demodulatori 1. VCO e demodulatori 2.

    PLL come filtro passa banda 3. Demodulatore FM 6. Demodulatore AM coerente 7. Sintetizzatori a interni e frazionari 3.

    Principio e caratteristiche dei DDS 4. Moltiplicazione del clock 5. Sincronizzazione del clock con DLL 6. Il manuale si basa su una formula didattica collaudata ed efficace: una formula i cui ingredienti sono la completezza dei contenuti, la gradualità dell'esposizione, il continuo riferimento a programmi completamente eseguibili e l'attenzione alle problematiche reali che sorgono nell'attività di sviluppo del software.

    La terza edizione è arricchita di un nuovo capitolo dedicato allo standard C Nato in stretta associazione con il sistema Unix, all'interno del quale venne sviluppato, il C non è di fatto vincolato ad alcuna piattaforma, e sebbene sia stato definito "linguaggio di programmazione di sistema", è stato altrettanto efficacemente adoperato per creare programmi di utilità primaria negli ambiti più disparati.

    Sebbene col tempo siano nati e si siano diffusi linguaggi più moderni, il C resta tuttora un riferimento ideale tanto per i corsi universitari quanto per i professionisti. Il testo passa in rassegna le principali caratteristiche del linguaggio. Partendo da una prima, iniziale panoramica, il volume passa poi ad analizzare i vari aspetti in dettaglio con maggior rigore formale.

    Questo libro contiene le nozioni fondamentali di topologia generale e una introduzione alla topologia algebrica. Il libro contiene circa esercizi, in parte risolti.

    La Teoria dei Numeri è uno dei settori più classici della Matematica. I numeri di cui si occupa sono quelli che si chiamano naturali 0, 1, 2, Allapparenza semplici e innocui, nascondono tuttavia alcuni dei misteri più difficili e appassionanti dell'intera Matematica.

    La Crittografia si interessa invece di nascondere a occhi indiscreti il contenuto di comunicazioni riservate e corrisponde a esigenze largamente diffuse nella nostra società. Il testo dà resoconto di questo collegamento. Introduce dapprima la Crittografia moderna, i suoi obiettivi e le sue priorità. Passa poi a esporre argomenti di Teoria dei Numeri, con particolare riferimento ai due problemi di riconoscere i numeri primi, e di decomporre un naturale nei suoi fattori primi; per ognuna delle due questioni fornisce un vasto panorama degli algoritmi che la trattano e cercano di risolverla nel modo più efficace possibile.

    In particolare presenta la recentissima procedura AKS per riconoscere i numeri primi. Il libro torna poi alla Crittografia e mostra come idee e metodi di Teoria dei Numeri si applichino alla costruzione di procedure affidabili per la trasmissione sicura delle informazioni riservate. Il testo si rivolge principalmente a studenti di Matematica, Informatica o Ingegneria interessati a corsi di crittografia. L'algebra è nata come lo studio della risolubilità delle equazioni polinomiali e tale è essenzialmente rimasta fino a quando nel Evariste Galois - matematico geniale dalla vita breve e avventurosa - ha definitivamente risolto questo problema, ponendo allo stesso tempo le basi per la nascita dell'algebra moderna intesa come lo studio delle strutture algebriche.

    La Teoria di Galois classica viene oggi insegnata a vari livelli nell'ambito dei Corsi di Laurea in Matematica. Questo libro di testo è stato di conseguenza scritto per essere usato in modo flessibile. Alcune parti -come quella sulla Teoria dei Campi - possono essere utilizzate anche per corsi più avanzati di Algebra, Geometria e Teoria dei Numeri. Altri argomenti - quali ad esempio lo studio della risolubilità per radicali delle equazioni di grado basso o della costruibilità con riga e compasso delle figure piane - possono essere svolti in corsi di Matematiche Complementari per l'indirizzo didattico.

    Il volume contiene anche note storiche, molti esempi dettagliati ed esercizi. Etichette: algebra , appunti , geometria , lineare , zagaglia salvi. Etichette: Chiaberge , Del Corso , elettronica , informatica , polito , videolezioni. Indice: Bus di comunicazione 0 Presentazione 1. Etichette: bus , demodulatori , elettronica , informatica , pll , vco. Videocorso di Sistemi informativi corrispondente al corso di Basi di dati tenuto dalla professoressa Elena Baralis del Politecnico di Torino.

    Per ogni capitolo ci sono dei file in pdf con le slide e una serie di esercizi svolti. Introduzione all'unità 2.

    Sommario lezione 3. Gestione delle informazioni 4. Base di dati 5. Modello dei dati 6. Indipendenza dei dati 7. Accesso ai dati 8. Introduzione 4. Definizioni 5. Riferimenti tra relazioni 6. Assenza di valore 7. Vincoli di integrità 8. Chiave primaria 9. Vincoli di tupla e di dominio Vincoli di integrità referenziale Algebra relazionale 1.

    Sommario lezione 2. Introduzione 3. Selezione e proiezione 4. Prodotto cartesiano e join 5. Natural join, theta-join e semi-join 6. Outer join 7. Unione e intersezione 8. Differenza e antijoin 9. Introduzione al linguaggio SQL 4. Istruzioni del linguaggio 5. Struttura di base 3. Ordinamento del risultato 5.

    Join 6. Funzioni aggregate 7. Operatore IN 4. Costruttore di tupla 6. Correlazione tra interrogazioni 9. Operazione di divisione Table functions Operatori insiemistici 1. Creazione di una tabella 3. Modifica della struttura di una tabella 4. Cancellazione di una tabella 5. Dizionario dei dati 6. Creazione e gestione delle viste in SQL 5. Aggiornabilità delle viste 6. Check option 7. Gestione della privatezza Gestione delle transazioni 1.

    Transazioni in SQL 4. Proprietà delle transazioni SQL per le applicazioni 1. Concetto di cursore 4. Aggiornabilità 5. SQL statico e dinamico 6. Embedded SQL 7.

    Stored Procedure 9. Confronto tra le alternative Controllo dell'accesso 1.

    Sicurezza dei dati 3. Risorse e privilegi 4. Gestione dei privilegi in SQL 5. Gestione dei ruoli in SQL Gestione degli indici 1. Strutture fisiche di accesso 4. Definizione di indici in SQL 5. Ciclo di vita di un sistema informativo 4. Progettazione di basi di dati 5. Entità e relazioni 6.

    Attributi 7. Identificatori 8. Generalizzazione 9. Documentazione di schemi E-R Fasi della progettazione di basi di dati 3. Esempio di progettazione: specifiche del problema 4. Esempio di progettazione: concetti principali 5. Esempio di progettazione: raffinamento del modello I 6. Esempio di progettazione: raffinamento del modello II 7.

    Esempio di progettazione: raffinamento del modello III 8. Esempio di progettazione: rappresentazione del tempo I 9. Esempio di progettazione: rappresentazione del tempo II Esempio di progettazione: rappresentazione del tempo III Progettazione logica relazionale 1. Ristrutturazione dello schema ER 4.

    Eliminazione delle gerarchie 5. Partizionamento dei concetti 6. Questi strumenti vengono poi utilizzati per dedurre informazioni critiche sul sistema controllato, quali i margini di stabilit, la robustezza e le bande di funzionamento e di reiezione dei disturbi. Si passa poi a considerare le diverse specifiche di progetto che vengono tipicamente imposte su un sistema di controllo, quali specifiche sul comportamento stazionario, sulla precisione, sulla reiezione dei disturbi, sulla sensitivit alle variazioni dei parametri,sul comportamento transitorio e in frequenza, sulla robustezza, etc.

    Vengono quindi presentate alcune tecniche classiche di sintesi del compensatore, quali la sintonizzazione dei parametri per i compensatori proporzionali-integrativi-derivativi PID , ed il progetto di reti di compensazione integro-derivative lead-lag e di filtri notch. Un successivo capitolo discute alcune estensioni alla tecnica base di progetto, quali la sintesi a due gradi di libert, la precompensazione dei disturbi ed il controllo in cascata. Si indichino inoltre quali sono i contenuti ritenuti interessanti e che eventualmente non sono stati oggetto di discussione nel Laboratorio di Elementi di Matlab almeno un aspetto.

    Ironia della sorte, è un ingegnere chimico. In questo link troverete molte opzioni interessanti per personalizzare i diagrammi. Di fatto, se i calcoli coinvolgono solo numeri reali, non ci sono problemi ad usare i e j come indici per le iterazioni, e non si dovrebbe creare confusione. Il sito prevede anche la possibilità di scaricare programmi in Matlab.

    Il materiale in questione dovrebbe essere proprio il manuale di riferimento distribuito dalla Mathworks la casa distributrice di Matlab. Direi che sono anche migliori delle lezioni. Sono rimasto anche molto colpito dalle appendici che sono fatte molto bene e che possono essere usate per la consultazione veloce di comandi. Interessante la sezione sul calcolo di autovalori e autovettori di una matrice.


    Nuovi post