Chrisadamo

Chrisadamo

SCARICARE SUONO KURZWEILL

Posted on Author Meztim Posted in Ufficio


    Sono prossimo a un acquisto kurzweil sp , l'unico (grande) neo è che i suoni non sono editabili live (a parte con l'apposito software, ma non. Il PC3 SoundEditor è un software di Archiviazione/Programmazione e di Sviluppo dei Suoni dedicato alle tastiere della serie PC3 Kurzweil. Seppure PC3 e. non so se esistono suoni k per pc3, pero' col nuovo sistema operativo puoi io le ho scaricare dal sito kurzweil ed ho provato caricarne. Yamaha MOXF8, Kurzweil SP, Roland AX-Synth, Edirol i suoni della pc3 LE , da dove caspita li posso scaricare? sul sito Kurz trovo solo.

    Nome: suono kurzweill
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file: 28.82 MB

    Visitano il forum: Google [Bot] e 0 ospiti. Ricerca avanzata. Io nn ti posso aiutare perchè funziono con la serie K e tutti i suoni che ho sono per quelle macchine, ma in giro x il forum ci sono possessori di pc3, x cui nn dovresti avere difficoltà. Buona permanenza nel forum! Io sono possessore di PC, solo che al momento i miei suoni sono ancora work in progress purtroppo Il consiglio che comunque ti posso dare è quello di provare a creare i tuoi suoni da zero sfruttando il tuo orecchio, è la soddisfazione più grande In ogni caso quando finisco qualche suono e lo ritengo soddisfacente vedo di passartelo, ma credo ci vorrà ancora un po' di tempo.

    Tieni presente che la V. Anzi, il tutto è molto schematico.

    Risulta ancora di più facile comprensione se hai qualche nozione di sintesi sottrattiva e se hai usato qualche volta VST.

    Kurzweil Artis 7

    Per money electric piano tipo wurly. Piano1 ed E. Piano2 sia della Base1 che della Base2, finchè non lo trovi adesso non mi ricordo dove si trova di preciso.

    Se non ricordo male, il wurly del PC3 chiamato Dark Side Wurly, ha anche un effetto wah assegnato alla Mod Wheel, non era male anzi è fra quelli che più mi hanno colpito.

    Ci dovrebbe essere anche un program di strings "Shine-oriented", ricordo che non erano granchè, ma vale la pena dargli un'ascoltata. Purtroppo non mi ricordo il nome del program, ma era qualcosa tipo "shining strings" L'architettura VAST è sicuramente molto molto complessa, ma è come quei disegni in 3 dimensioni che all'inizio non ci si capisce niente ma, una volta messi a fuoco, si rivelano in tutta la loro bellezza.

    Una volta appresi i primi basilari meccanismi tutto diventa spontaneo, intuitivo ed immediato. Ho praticamente rimpiazzato le decine di VST solo con un K "solo" 8 zone e 48 note di polifonia.

    Mi potete passare qualche link? Prova a chiedere a"LUI" p. A "lui" cioè Magog? E io che sudo con i VST!!! Che lo ha venduto ad un collezionista americano qualche anno fa. Dimmi tutto su quel modulare russo Ma io e te dobbiamo incontrarci di persona La pro dovrebbe andare anche meglio in quanto hanno riequalizzato negli studi inglesi i file digitali dei nastri che sono nel Mtron base.

    Sono stati passati anche attraverso un ampli valvolare.

    Apple QuickTime Player

    Sarei curioso di provare anche il Pro. Uso Mtron per alcuni timbri strani insomma quei nastri rari che erano fatti custom da alcuni artisti. Anche perchè suonano meglio, soprattutto puoi dare un attacco diverso con la dinamica dei tasti e l'attacco sul nastro. Comunque in generale faccio le tracce vst con mtron per avere la struttura e poi suono le parti da sostituire con quello vero suonando dal vivo.

    Generalmusic

    A volte lo passo nel Leslie, una goduria Ma dove le prendete ste cose?? Poi un conto è suonare con un bontempi e un altro con sofisticatissimi vst.

    Contano gli strumenti? Ma straconta il modo in cui vengono utilizzati non usati. Ci vuole esperienza per far emergere al massimo le doti e le potenzialità sonore di uno strumento, e ci vuole tempo.

    Non è sufficente avere un Mini moog per sperare di ottenere grandi risultati durante una performance. Saper registrare uno strumento elettronico, o uno acustico, è un'arte complicatissima.

    La scelta del corretto posizionamento di un microfonaggio di una batteria ad esempio, e i mirofoni stessi, sono scelte determinanti. In un mio recente lavoro, ho utilizzato una batteria acustica incontrando facilità operative solo perchè al mio fianco c'era un tecnico molto preparato e un Proptools. In uno più recente, ho optato per una digital drums V Drums ed un semplicissimo editor da pochi euro con una M-Audio economicissima e garantisco che nella circostanza in esame, il risultato è assolutamente clamorosamente simile se non addirittura migliore.

    Le variabili da esaminare sono moltissime, partendo innanzitutto dal genere da eseguire ma anche dall'architettura della struttura di mix immaginata eccetera Un vst o un suono originale?

    Non è solo una questione di disponibilità, ma di preparazione, di capacità nella gestione delle varie fasi di utilizzo dello strumento, qualunque esso sia, vst o HW.

    Un mkII è a meno di un kilometro dal mio ufficio, a Cologno monzese, S. Maurizio al lambro nella sede operativa di una nota società di post produzioni tv e di doppiaggi cartoons C'è sopra un vaso di fiori Chissà se nel frattempo li ha piazzati uno come sappiamo l'ha piazzato già nel [; ].

    Puoi fare da tramite? Molto dipende da cosa si vuole in base al genere, quello è il primo punto.

    Anzi sarebbe da aprire un post apposito. Lo aproooooooooo in melody maker. Chissà se nel frattempo li ha piazzati uno come sappiamo l'ha piazzato già nel [; ] qualcuno lo ha tenuto, molti sono stati letteralmente bruciati In che senso "utilizzati e non usati"?

    Comunque concordo in piena quote: Originally posted by pino lettieri P.


    Nuovi post